Le FFS nel 2019: Forte crescita della domanda in un anno impegnativo sul piano operativo.

  • 1,3 milioni di viaggiatori al giorno (+6 percento), un numero mai raggiunto in passato.
  • Con 124 milioni di biglietti venduti, oltre la metà dei quali emessa per la prima volta attraverso i canali digitali, le FFS hanno nettamente migliorato il risultato dell’anno precedente (+11,5 percento).
  • Un risultato insoddisfacente, invece, per la puntualità all’89,5 percento (–0,6 punti).
  • Un anno impegnativo sul piano operativo: aumento della domanda, criticità nell’orario, numerosi cantieri, treni mancanti ed errori nella pianificazione del personale di locomotiva.
  • Il tragico incidente di un capo assistenza clienti ha portato alla luce diverse lacune nella sicurezza, che sono state affrontate con il programma «Sicuro!». 
  • CHF 3,6 mia di risorse pubbliche ricevuti dalla Confederazione e dai Cantoni per manutenzione, potenziamento, esercizio dell’infrastruttura e prestazioni ordinate nel traffico regionale.
  • FFS Cargo Svizzera: risultato in pareggio raggiunto in un contesto difficile del mercato grazie ad effetti una tantum.
  • Grado di copertura dei costi nel traffico regionale al 62 percento, grado di copertura totale dei costi al 45 percento circa. Grado di copertura totale dei costi nel traffico a lunga percorrenza all’80 percento circa.
  • Risultato consolidato di CHF 463 mio (–18,5 percento).
  • Grado di copertura dei debiti attestato a 6,3, entro il limite massimo di 6,5 richiesto dalla Confederazione.
  • Sono state risparmiate circa 66 000 tonnellate di anidride carbonica e 400 GWh di energia.

Nel 2019 ogni giorno 1,3 milioni di passeggeri (+5,8 percento rispetto all’anno precedente) hanno viaggiato con le FFS, un numero mai raggiunto in passato. Senza contare i 2000 treni speciali per gli eventi estivi, anche in questo caso un dato record. La scarsità di risorse a livello di personale e materiale rotabile ha comportato per i collaboratori delle FFS un impegno straordinario, in modo particolare nella stagione estiva. 

La puntualità dei clienti è calata ed è risultata insoddisfacente, in particolare nel quarto trimestre e su scala regionale. I ritardi sono stati causati da diversi fattori, tra i quali l’aumento della domanda, anche nel traffico supplementare, le criticità nell’orario e i numerosi cantieri allestiti per interventi di manutenzione e ampliamento. A questi si sono aggiunti i guasti al materiale rotabile e la carenza di veicoli, anche a causa dei ritardi nella consegna dei treni bipiano nel traffico a lunga percorrenza e delle inevitabili ripercussioni sul resto della flotta. E infine la mancanza di personale di locomotiva di riserva, imputabile anche a errori nella pianificazione dell’impiego e della formazione del personale.

In totale, nel 2019 l’89,5 percento dei viaggiatori (–0,6 punti) è arrivato puntuale, mentre la puntualità delle coincidenze è stata del 96,8 percento (–0,2 punti). Per migliorare questo aspetto, le FFS mirano ad aumentare le riserve nel sistema e a migliorare la pianificazione integrata di offerta, produzione ferroviaria e produzione edilizia, senza dimenticare l’informazione alla clientela.

Il tragico incidente di un capo assistenza clienti nel mese di agosto ha suscitato grande turbamento e ha evidenziato la necessità di intervenire per incrementare la sicurezza delle porte dei treni. Con una task force e con il programma «Sicuro!», le FFS hanno introdotto una serie di misure e di verifiche. I controlli speciali e le riparazioni alle carrozze unificate (CU) IV come pure ai veicoli di comando EuroCity e InterCity sono terminati. È inoltre stata avviata la modernizzazione totale delle porte delle CU IV. Nell’autunno 2019 le FFS hanno adeguato il processo di autorizzazione per la partenza dei treni. Gli audit esterni negli ambiti della manutenzione e dell’intera flotta si concluderanno nel primo semestre 2020. Le misure necessarie per perfezionare il sistema di segnalazioni interne sono già state avviate. Il rapporto finale del Servizio d’inchiesta svizzero sulla sicurezza (SISI) sarà probabilmente pubblicato entro maggio.

La soddisfazione dei clienti nel traffico viaggiatori e merci, in media, è aumentata rispetto all’esercizio precedente (traffico viaggiatori 2019: 75,5 punti, +0,6 percento; traffico merci 2019: 70,9, +2,2 percento), ma rimane comunque un margine di miglioramento necessario sul fronte della puntualità e dell’informazione alla clientela in caso di disagi al traffico ferroviario.

Traffico viaggiatori: aumento della domanda, record per la quota self-service.

Nel 2019 le FFS hanno venduto molti più biglietti rispetto all’esercizio precedente (124 milioni, +15 percento). Per la prima volta oltre la metà dei biglietti (52,8 percento) è stata emessa attraverso canali digitali (+12 punti), a fronte di un numero invariato di punti vendita rispetto all’anno precedente. La vendita agli sportelli e ai distributori automatici è ulteriormente diminuita, mentre la quota self-service ha fatto registrare un nuovo record del 90,6 percento. Ciò significa che i clienti acquistano autonomamente nove biglietti su dieci.

Il numero di abbonamenti generali è aumentato del 2 percento, per la prima volta ce ne sono in circolazione praticamente mezzo milione. Anche il numero di abbonamenti metà-prezzo è cresciuto rispetto al 2018 (+5 percento). La clientela fedele alle FFS è quindi più numerosa che mai: oltre 3,2 milioni di viaggiatori possiedono un abbonamento generale o metà-prezzo, ben il 40 percento circa della popolazione svizzera.

Per la quarta volta di seguito, anche nel 2019 non ci sono stati aumenti di prezzi. Con gli accrediti concessi ai clienti e il miglioramento dei servizi, le FFS hanno volu-to ringraziare i clienti per la pazienza dimostrata in un anno così impegnativo sul piano operativo. Le FFS hanno venduto biglietti risparmio per un valore totale di sconto pari a CHF 120 mio (+50 percento). In questo modo è stato possibile ottenere un duplice effetto: se si considerano gli 8,8 milioni di viaggi venduti grazie ai biglietti risparmio (+60 percento rispetto all’esercizio precedente), secondo i sondaggi circa 3 milioni di clienti hanno optato per prendere il treno solo grazie allo sconto applicato (+55 percento) e circa 1,5 milioni di viaggiatori ne hanno approfittato per scegliere treni meno frequentati (+85 percento). Anche nel 2020 le FFS metteranno a disposi-zione dei propri clienti biglietti risparmio per un valore pari ad almeno CHF 100 mio di sconto.

Nelle stazioni i clienti devono poter collegare in modo pratico e comodo il treno agli altri vettori di mobilità. Per questo le FFS lavorano anche all’offerta di nuovi servizi di mobilità, ad esempio con Car Sharing, Park&Rail o Bike&Rail. L’anno scorso questi nuovi servizi hanno generato un ricavo da traffico indotto quantificabile intorno a CHF 91 mio (+4 percento).

Nel 2019 le FFS hanno compiuto grandi passi nella strategia di cooperazione nel traffico viaggiatori: nel traffico a lunga percorrenza hanno consolidato la soluzione multiferroviaria nell’ambito della concessione integrale con i partner Südostbahn (SOB), BLS SA e Transports publics neuchâtelois (TransN). Con l’orario 2020 si è dato il via alla collaborazione con BLS e TransN, la SOB subentrerà con l’orario 2021. Nel traffico regionale, oltre alla cooperazione con i Transports publics fribourgeois (TPF), l’italiana Trenord e TransN, con il partner francese SNCF è stato messo in esercizio a fine anno il Léman Express.

Insieme ai nostri partner europei DB, ÖBB, SNCF e FS puntiamo inoltre ad aumentare l’offerta nel traffico viaggiatori internazionale e a migliorare i servizi come i biglietti elettronici e l’informazione ai clienti.

L’anno in esame ha visto un netto aumento del traffico ferroviario internazionale: la domanda per le destinazioni internazionali è aumentata del 7 percento rispetto all’anno precedente. Lo sciopero in Francia ha leggermente rallentato la crescita nel dicembre 2019. Nel 2020 le FFS contano su un andamento positivo dovuto al potenziamento delle capacità verso la Germania con il nuovo ICE 4, verso la Francia con la rinnovata flotta TGV Lyria e verso sud con il nuovo treno internazionale a lunga percorrenza sull’asse del San Gottardo.

I ricavi del traffico viaggiatori sono aumentati del 2,2 percento, portandosi a CHF 3559 mio. Il risultato di FFS Viaggiatori è di CHF 215 mio (2018: CHF 241 mio).

FFS Immobili: nuovo record nella soddisfazione dei clienti delle stazioni.

La soddisfazione dei clienti delle stazioni è aumentata, raggiungendo un picco di 79,7 punti, nettamente superiore rispetto all’esercizio precedente. A ottenere giudizi positivi sono state in particolare la percezione della sicurezza, l’illuminazione, le possibilità di acquisto e le misure per migliorare la qualità della sosta nelle stazioni. Per conto della Confederazione e insieme alle autorità cantonali, cittadine e comunali, le FFS ampliano le stazioni e le aree che le circondano per trasformarle in hub di mobilità interessanti, puliti e sicuri. Si sono così conclusi gli studi urbanistici per la riqualifica delle aree che circondano le stazioni di Ostermundigen, Rheinfelden e Zugo. Nel 2019 sono proseguiti anche i lavori di risanamento totale dell’ala ovest della stazione di Basilea FFS e gli interventi di risanamento dell’ala sud della stazione centrale di Zurigo. Un ruolo sempre più importante viene attribuito alla configurazione dell’accesso ai trasporti pubblici e alla qualità della vita attorno agli hub. Basti pensare alla piazza Meret Oppenheim presso la stazione di Basilea, che le FFS hanno riqualificato e consegnato alla cittadinanza nel mese di giugno.

Grazie al continuo aumento dei clienti dei trasporti pubblici, al costante miglioramento del mix del settore con i partner commerciali e alle superfici di vendita nuove o ampliate, i fatturati di terzi nelle 32 maggiori stazioni delle FFS hanno mostrato un andamento positivo (CHF +83 mio, +5 percento).

A causa della diminuzione delle vendite, nel 2019 il risultato sulla vendita di immobili ha evidenziato un calo di CHF 22,8 mio rispetto all’esercizio precedente (2019: CHF 84,2 mio, 2018: CHF 107,0 mio).

La maggiore affluenza di clienti, l’espansione urbana e una gestione efficiente delle stazioni hanno permesso alla divisione Immobili di realizzare un risultato di CHF 10,4 mio (dopo i pagamenti compensativi). Nel 2019 FFS Immobili ha versato pagamenti compensativi per CHF 150 mio a Infrastruttura e ha rimborsato prestiti per il risanamento e la stabilizzazione della Cassa pensioni pari a CHF 178 mio.

Traffico merci: aumento della puntualità e risultato nuovamente in pareggio.

Nel 2019 FFS Cargo ha incrementato la puntualità (91,9 punti, +2,5 percento), effettuato notevoli investimenti nella qualità e garantito una maggiore flessibilità nell’offerta grazie a soluzioni personalizzate che hanno permesso di dare riscontro alle esigenze dei clienti. In questo modo può fornire un servizio migliore in grado di rispondere a richieste specifiche.

Si chiama Swiss Combi AG ed è il nuovo partner scelto dalle FFS per FFS Cargo SA: la società è convinta del modello aziendale della ferrovia merci ed è pronta a impegnarsi per uno sviluppo congiunto del traffico merci in Svizzera. L’azionista di maggioranza rimane la FFS SA, con una quota del 65 percento. La conclusione dell’operazione è subordinata all’autorizzazione dell’autorità garante della concorrenza. La decisione è attesa per la primavera 2020.

Il risultato del traffico merci si attesta a CHF 3,0 mio. FFS Cargo Svizzera ha raggiunto il pareggio anche grazie a effetti straordinari una tantum, come lo scioglimento di accantonamenti. Il risultato di SBB Cargo International si attesta, invece, a CHF 5,5 mio. Sensibilmente diminuita rispetto a quanto pianificato originariamente con i clienti è in particolare la domanda nei settori dell’acciaio e della chimica, che ha subito un calo determinato da un cambiamento strutturale nel settore automobilistico.

FFS Infrastruttura: numerosi interventi di rinnovo della linea ferroviaria, criticità nell’orario.

Nel 2019 le FFS hanno rinnovato complessivamente 239 km di rotaie (2018: 226 km), ottenendo quindi un risultato senza precedenti. FFS Infrastruttura ha eseguito investimenti per CHF 1838 mio, utilizzando quindi circa CHF 155 mio in più di quanto previsto dalla convenzione sulle prestazioni (CP) 2017-2020 per il 2019, principalmente per un aumento degli interventi di rinnovo della ferrovia. Nel quarto trimestre questi interventi hanno avuto ripercussioni negative sulla puntualità.

Lo stato generale degli impianti infrastrutturali ha registrato un leggero miglioramento rispetto all’esercizio precedente e il rapporto sullo stato della rete lo classifica «da buono a sufficiente». Non ci sono impianti in condizioni critiche e il livello di sicurezza può essere sempre mantenuto.

Le FFS organizzano l’impiego delle risorse e la pianificazione dei cantieri in base alle priorità, in modo tale da garantire la fattibilità dell’offerta e la disponibilità degli impianti, assicurando così la stabilità dell’esercizio e dell’orario sul lungo periodo. Dal 2017 sono stati investiti in media CHF 270 mio in più all’anno nella manutenzione e nel rinnovo degli impianti di FFS Infrastruttura. L’andamento positivo dei dati sulla disponibilità dimostra che l’attuale ritardo nel ripristinare lo stato degli impianti (con singole eccezioni quali binari e impianti elettrici) non influisce negativamente sull’esercizio ferroviario ed è quindi accettabile.

Il risultato realizzato da FFS Infrastruttura nel 2019 si attesta a CHF 22,5 mio. Il risultato del settore Energia, pari a CHF 47,1 mio, viene reinvestito in impianti per la fornitura di energia. Il settore Rete ha fatto registrare un risultato negativo di CHF –24,7 mio.

Riduzione delle emissioni di anidride carbonica e miglioramento dell’efficienza energetica.

Dopo il traffico lento come la bicicletta, la ferrovia è e rimane il mezzo di trasporto più ecologico. Le FFS, e in generale il trasferimento del traffico dalla strada alla rotaia, forniscono pertanto un notevole contributo alla protezione del clima in Svizzera. Grazie alla ferrovia il Paese riduce ogni anno di 5 milioni di tonnellate le emissioni di anidride carbonica, pari al 10 percento delle emissioni totali della Svizzera. Grazie a ulteriori sforzi, nel 2019 le FFS hanno ridotto di circa 66 000 tonnellate le emissioni di anidride carbonica e intendono raggiungere l’impatto zero entro il 2030.

Nel 2019 le FFS hanno ottenuto il 90 percento della corrente di trazione e tutta la corrente a 50 Hz da energie rinnovabili. Nell’ambito del programma di risparmio energetico del Gruppo, nel 2019 sono state attuate misure che hanno permesso un risparmio di 400 GWh, pari al consumo di circa 100 000 nuclei familiari svizzeri. Entro il 2030 le FFS prevedono di produrre 30 GWh di corrente domestica con impianti fotovoltaici.

Risultato consolidato inferiore rispetto all’esercizio precedente.

Con CHF 463 mio il risultato consolidato del 2019 è calato sensibilmente rispetto all’esercizio precedente (–18,5 percento). Il risultato del traffico regionale è pari a CHF 55,1 mio e confluisce nelle riserve di diritto speciale, come previsto dalle disposizioni legali. Il grado di copertura dei costi nel traffico regionale ha raggiunto il 61,8 percento, mentre il grado di copertura totale dei costi è stato del 45 percento circa. Nel traffico a lunga percorrenza quest’ultimo dato è stato dell’80 percento. Questo valore si riferisce al finanziamento da parte di utenti e clienti in rapporto ai costi totali dell’esercizio dell’infrastruttura e del traffico, compresi i costi non coperti dell’infrastruttura sostenuti dalla Confederazione.

Le prestazioni ordinate da Confederazione e Cantoni per l’esercizio e la manutenzione dell’infrastruttura, il traffico regionale e gli ampliamenti sono quantificabili in CHF 3575 mio, con un incremento del 3,2 percento rispetto al 2018; senza prestiti e contributi per gli investimenti sono invece CHF 2802 mio (+3,0 percento).

Il free cash flow si è attestato a CHF –293 mio (2018: –215 mio). Il grado di copertura dei debiti è aumentato, passando a 6,27 (2018: 5,62), rientrando quindi nel limite massimo di 6,5 previsto dalla Confederazione.

Il Gruppo FFS in cifre.

Conto economico del Gruppo (Mio di CHF) 2019 2018  +/- +/- in %
Ricavo d’esercizio 9'864 9'645 219 2,3
Costi d’esercizio
-9'377 -9'059 -317 3,5
Risultato operativo/EBIT
487  586 -99 -16,8
Risultato finanziario
-91 -105 15 -13,8
Risultato sulla vendita di immobili
86  107 -21 -20,1
Risultato ante imposte
482 587 -105 -18,0
Imposte e interessenze azionisti minoritari
-18 -19 1 -2,7
Risultato consolidato
463 568 -105 -18,5
Infrastruttura Rete
-25 53 -78 -146,3
Traffico regionale
55 48  7 14,0
settori finanziati con mezzi propri
433 467 -34 -7,2
Free cash flow
-293 -215 -78 36,3
Indebitamento netto soggetto a interessi
8'912 8'619 293 3,4
Grado di copertura dei debiti
6,27  5,62 0,65 11,5
Controprestazioni dei poteri pubblici
2'802 2'720 83 3,0
Prestazioni per l’infrastruttura ferroviaria
2'117 2'058 58 2,8
Indennizzi Traffico regionale
684 653 31 4,7
Indennizzi Cargo 1 8 -7 -88,7
Risultati dei segmenti
(Bilanci separati in mio di CHF)
2019 2018 +/- +/- in %

Viaggiatori

Lunga percorrenza
Traffico regionale
altri settori d’attività
Grado di copertura dei costi Traffico regionale (%)

215

133
55
27
61,8

241

176
48
17
61,8

-27

-43
7
10
0,0

-11,1

-24,7
14,0
57,2
0,0

Immobili

prima dei pagamenti compensativi
dopo i pagamenti compensativi

 

339
10

 

339
10

 

0
0

 

0,0
0,2

Cargo

Cargo Svizzera
Cargo International

3,0

0,0
5,5

12,9

8,5
6,1

-9,8

-8,5
-0,5

-76,6

-99,8
-8,9

Infrastruttura

Energia
Rete

22,5

47,1
-24,7

78,2

24,8
53,3

-55,6

22,3
-78,0

-71,2

90,0
-146,3

Personale, quantità e prestazioni 2019 2018 +/- +/- in %
Collaboratrici e collaboratori (FTE) 32'535 32'309 226 0,7

Viaggiatori

Passeggeri al giorno (mio)
Viaggiatori-chilometri (mio)
Occupazione media dei posti a sedere (%)
Vendita di biglietti (mio)
quota self-service (%)
di cui attraverso canali digitali (%)

 

1,32
19'689
28,9
123,6
90,6
52,8

 

1,25
18'608
27,9
107,4
87,9
41,2

 

0,07
1'081
1,0
16,3
2,7 
11,5

 

5,8
5,8
3,5
15,1
3,0
28,0

Immobili

Ricavi locativi di terzi (mio di CHF)

552 502 50 9,9

Cargo

Tonnellate-chilometri nette (mio)

16'377 16'974 -597  -3,5

Carri carichi FFS Cargo SA (Svizzera)

traffico a carri sistematico
traffico a carri isolati
treni completi

 

554'507
64'871
214'810

 

573'101
68'370
225'107

 

-18'594
-3'499
-10'297

 

-3,2
-5,1
-4,6

Infrastruttura

Tracce-chilometri (mio)
Efficienza di utilizzazione della rete
(treni al giorno per binario principale)

 

185,8
78,6

 

182,3
77,7

 

3,4
0,9

 

1,9
1,1

Ulteriori contenuti

FFS SA

Comunicazione

Hilfikerstrasse 1

Casella postale 65

3000 Berna