Il fumo sarà bandito dai trasporti pubblici svizzeri.

A partire dal nuovo cambio d’orario, il prossimo 11 dicembre, sarà attuata la protezione dei fumatori passivi sui mezzi pubblici. In treni, bus e battelli, così come nei locali chiusi delle stazioni, il fumo sarà bandito. Lo hanno deciso le imprese di trasporto affiliate all’Unione dei trasporti pubblici (UTP), tra le quali vi sono anche le FFS e la BLS.

In diverse ferrovie svizzere il fumo è già bandito. Tra queste vi sono la Forchbahn, la Trogenerbahn e la Jungfraubahn. Altre ancora stanno pensando di andare in questa direzione. L’UTP si impegna per un’unica regolamentazione nell’interesse dei clienti. Ora essa sarà adottata. La protezione dei fumatori passivi sui trasporti pubblici a partire dal cambio d’orario di dicembre non comprenderà solo gli scompartimenti passeggeri nelle carrozze, nei bus e nei battelli. Dalla misura saranno interessati anche i locali chiusi – in particolare le zone degli sportelli, le sale d’aspetto e i marciapiedi con ricambio d’aria limitato – nelle stazioni, alle fermate dei bus ed agli attracchi delle aziende di navigazione. Sarà per contro permesso fumare sul ponte delle motonavi.

A partire dal cambio d’orario dell’11 dicembre 2005 sarà quindi in vigore su tutto il territorio svizzero un’unica regolamentazione. Le imprese di trasporto che avevano già adottato misure per la protezione dei fumatori passivi hanno già fatto esperienze positive in merito. La misura è stata recepita molto positivamente. Anche i fumatori, che rappresentano il 20% della clientela, hanno accettato di buon grado il cambiamento. Non sono praticamente state segnalate trasgressioni. Inoltre, grazie alla nuova regolamentazione, diminuiranno anche le spese dovute alla pulizia.

Faranno eccezione alla nuova regolamentazione le riunioni private sui battelli da parte di società private ed i viaggi in carrozze speciali riservate per l’occasione.

  • Sottocchio: passaggio ai treni senza fumo in svizzera

Ulteriori contenuti

Download.