Carrozze panoramiche sull'asse del San Gottardo.

Le dodici carrozze panoramiche delle FFS avranno un nuovo campo d'azione: l'asse ferroviario del San Gottardo. Il loro impiego è programmato nei treni Interregio a partire dal nuovo cambio d'orario a fine 2006. I vagoni panoramici sono molto apprezzati dalla clientela e rendono maggiormente attrattivo il viaggio attraverso le Alpi in direzione del Ticino e viceversa.

Dal 1991 le FFS sono proprietarie di dodici carrozze panoramiche climatizzate (tipo Apm 61 Pano). Fino ad oggi questi veicoli erano impiegati nel traffico internazionale verso la Germania e l'Austria. Queste vetture di prima classe sono molto apprezzate dalla clientela per le ampie vetrate che garantiscono una piacevole visuale e un ottimo ambiente a bordo. Esse rappresentano un piccolo segmento della flotta ed è per questo motivo che la manutenzione risulta essere piuttosto onerosa. Per questa ragione le FFS hanno esaminato possibilità d'impiego alternative, tra i quali figurava anche la vendita del modesto parco veicoli. Ora l'azienda ha trovato una soluzione che garantirà un futuro utilizzo in Svizzera dei veicoli panoramici.


Più comfort per i viaggiatori attraverso il San Gottardo

Il nuovo concetto prevede l'utilizzo delle carrozze panoramiche nei treni Interregio sull'asse del San Gottardo a partire da dicembre 2006, data del prossimo cambio d'orario. Sarà così possibile valorizzare ulteriormente la linea ferroviaria attraverso le Alpi trasformandola in una tratta panoramica svizzera. I vagoni saranno impiegati nei convo-gli Interregio Zurigo–Locarno e Basilea/Lucerna–Locarno esattamente nell'anno dei festeggiamenti per i 125 anni della Gotthardbahn. Accanto ad una maggiore attrattiva e un aumento del comfort a bordo, il nuovo utilizzo apporta anche vantaggi di gestione: le carrozze sono inserite in modo stabile nelle composizioni, riducendo al minimo le operazioni connesse alla manovra.

Prima di essere impiegati sull'asse del San Gottardo, i veicoli saranno sottoposti a un programma di ammodernamento. Le FFS investiranno in questa operazione circa 6 milioni di franchi. L'aumento dei costi dovrebbe essere recuperato da un maggior traffico.

Ulteriori contenuti