Bilancio d’esercizio 2005: Nonostante più viaggiatori e tonnellate-chilometro perdita milionaria a tre cifre.

Nel corso del 2005 le prestazioni del traffico viaggiatori e merci hanno nuovamente fatto segnare uno sviluppo positivo. Mai come lo scorso anno così tante persone hanno viaggiato con le FFS, lo stesso è avvenuto per le tonnellate-chilometro trasportate da FFS Cargo. Nonostante ciò, il gruppo FFS ha chiuso l’anno d’esercizio 2005 con una perdita aziendale di -166,3 milioni di franchi. Le cause principali del risultato passivo sono da ricondurre agli importanti accantonamenti per FFS Cargo e la Cassa pensioni FFS, al risultato operativo negativo nel traffico merci e a prestazioni anticipate nel traffico viaggiatori. Il 2005 è stato un anno difficile per l’esercizio ferroviario, con la panne di corrente elettrica del 22 giugno quale punto più basso.

Il 2005 è stato un anno di transizione per le FFS: il successo degli investimenti effettuati per Ferrovia 2000, entrata in esercizio con il cambio d’orario del dicembre 2004, è atteso nel bilancio come preventivato con un certo ritardo. Anche per gli investimenti effettuati nel traffico merci transfrontaliero sull’asse nord-sud il ritorno finanziario si sviluppa solo lentamente.

Il gruppo FFS chiude il bilancio d’esercizio 2005 con una perdita aziendale di -166,3 milioni di franchi. Nel 2004 l’utile dell’azienda era ancora di 42,6 mio. di franchi. I risultati positivi conseguiti da traffico viaggiatori (78,6 mio. franchi), Infrastruttura (17,4 mio. franchi) e Immobili (21,0 mio. franchi), non hanno permesso di compensare gli effetti negativi fatti segnare dalla perdita nel traffico merci (-165,7 mio. franchi) e dal risultato sfavorevole dei settori centrali (inclusi gli accantonamenti per la Cassa pensioni delle FFS, le spese per il progetto di reintegrazione professionale «Chance» ed i costi provocati dal maltempo, per complessivi -117,6 mio. franchi). Ai ricavi d’esercizio – condizionati tra l’altro da minori prestazioni della Confederazione – che fanno registrare una leggera crescita pari a 7'087,8 mio. franchi (+1,1%), si contrappongono costi d’esercizio di 7’107,0 mio. di franchi (+5,2%). Il risultato d’esercizio delle attività operative, esclusi gli accantonamenti per la Cassa pensioni secondo la norma RPC 16, è di -19,2 mio. (2004: 251,1 mio. franchi). Gli accantonamenti RPC 16 ammontano a 94 mio. di franchi (2004: 150 mio.). Il risultato operativo dopo RPC 16 è passato da 101,1milioni di franchi nel 2004 a  -113,2 milioni di franchi nel 2005.

Le prestazioni della Confederazione per l’Infrastruttura (importi per l’esercizio e il mantenimento della sostanza) ammontavano nel 2005 in totale a 1'199,3 mio. di franchi. L’importo corrisponde a 132,2 mio. in meno rispetto all’anno precedente.

Il bilancio d’esercizio 2005 è gravato dai risultati negativi del traffico merci e dagli accantonamenti straordinari effettuati da questo comparto. Tra questi figurano gli accantonamenti per le misure di ristrutturazione nel traffico a carri completi (75 mio. di franchi) e gli aggiustamenti per gli scioglimenti dei contratti del periodo antecedente la riforma ferroviaria (35 mio. franchi). Inoltre i costi causati dal maltempo dell’agosto 2005 gravano sull’insieme del bilancio per un ammontare di 50 milioni di franchi.

Nel 2005, i ricavi consolidati nel settore dei trasporti sono pari a 3'170,8 mio. di franchi, il dato corrisponde a 122,2 mio. di franchi in più rispetto al precedente periodo. Mentre il traffico viaggiatori ha fatto registrare una crescita dei ricavi del traffico dell’11,0 per cento, a 2'076,2 mio. franchi, i ricavi del traffico di FFS Cargo sono scesi del 6,8 per cento, a 957,2 mio. di franchi.

Nel corso del 2005, il traffico viaggiatori ha conseguito un ricavo d’esercizio pari a 3'523.7 milioni di franchi. Il risultato d’esercizio ammonta a 132,7 milioni di franchi, 59,2 milioni in meno rispetto al precedente anno. L’utile è sceso del 48,4 per cento, a 78,6 mio. di franchi. Il numero dei clienti trasportati nel 2005 dalle FFS è cresciuto di 22,5 milioni di unità, raggiungendo la cifra record di 275,9 milioni di viaggiatori. I viaggiatori-chilometro (Pkm) sono cresciuti del 10,1 per cento, a 13,83 miliardi di Pkm. L’adozione del nuovo orario di Ferrovia 2000 nel dicembre del 2004 e il relativo aumento dell’offerta hanno generato una crescita delle frequenze e dei ricavi del traffico. Contemporaneamente, il potenziamento ha prodotto maggiori costi d’esercizio e di manutenzione. Inoltre nel 2005, in relazione con Ferrovia 2000, i contributi per le tracce nel traffico a lunga percorrenza sono aumentati di 60 milioni di franchi. Considerato che, come preventivato, la domanda segue l’aumento repentino del offerta solo con un certo ritardo, nel corso del 2005 non è stato ancora possibile compensare i costi supplementari generati dalla messa in esercizio dell’orario di Ferrovia 2000.

Nel 2005 il traffico merci è stato caratterizzato da un andamento contrastante. Le prestazioni di FFS Cargo sono cresciute del 13,4 per cento, a 11,48 miliardi di tonnellate-chilometro nette. Il calo delle prestazioni nel traffico interno a carri completi (-8,8%) e la costante erosione dei prezzi hanno provocato un calo del fatturato del 7,1 per cento. L’attività commerciale di FFS Cargo ha registrato una perdita di -55,7 milioni di franchi. Al dato vanno sommati gli accantonamenti straordinari di 110 milioni di franchi segnalati in precedenza.

Nel corso del 2005 la Divisione Infrastruttura ha conseguito un utile di 17,4 mio. di franchi. L’obiettivo fissato dalla Confederazione è quindi stato raggiunto. Il numero di tracce-chilometro vendute è aumentato del 6,9 per cento ad un valore record di 150,9 mio. di chilometri. Nel complesso la qualità dell’esercizio è stata insoddisfacente. Il punto più basso è stato raggiunto con la panne di corrente del 22 giugno 2005, che ha interessato oltre 200mila viaggiatori. La qualità è stata pure intaccata dall’importante guasto all’impianto centrale di Zurigo nel mese di febbraio e dal maltempo in agosto.

L’utile operativo di FFS Immobili è cresciuto del 18,3 per cento, a 170,7 mio. di franchi. I ricavi da pigioni sono aumentati di 15,7 milioni, a 443,4 mio. di franchi. L’utile, dopo pagamenti compensativi alla Divisione Infrastruttura, è di 21 milioni di franchi (2004: 15,2 mio.).

Nel 2005, l’effettivo medio dei dipendenti FFS, comprese le filiali, era di 28'330 posti a tempo pieno. Il dato corrisponde a 21 posti a tempo pieno in meno rispetto all’anno precedente. La produttività è nuovamente cresciuta.

Riguardo al bilancio d’esercizio 2005 sarete informati dettagliatamente nel corso della conferenza stampa in programma l’11 aprile 2006 a Zurigo.

Ulteriori contenuti