Risolto positivamente incendio in Cisalpino.

Un incendio a un pendolino della Cisalpino Zurigo–Milano ieri sera tra Zurigo e Thalwil si è risolto positivamente. I viaggiatori interessati hanno potuto lasciare indenni il treno grazie agli impianti di salvataggio presenti nella galleria dello Zimmerberg. La causa dell’evento è attualmente oggetto di inchiesta. Da questa mattina i treni hanno ripreso a circolare normalmente attraverso il tunnel.

Il treno pendolino della Cisalpino Zurigo–Milano è rimasto bloccato martedì sera a quattro chilometri dall’uscita del portale della galleria dello Zimerberg tra Thalwil e Zurigo a causa di un guasto al veicolo motore. Il treno è stato evacuato e i circa 120 viaggiatori hanno dovuto lasciare la galleria, attraverso un’uscita di salvataggio, a causa del fumo sviluppatosi nella penultima carrozza per un incendio. Due viaggiatori sono stati trasportati in ospedale per sospetta intossicazione da fumo.

La medesima composizione era rimasta bloccata a Sciaffusa a causa di un problema tecnico durante il viaggio Stoccarda–Zurigo. I viaggiatori avevano dovuto utilizzare altri treni da Sciaffusa. Poco dopo, il Cisalpino era ripartito e aveva raggiunto Zurigo senza problemi. Poco prima delle ore 20, il treno era partito di nuovo con i viaggiatori verso Milano con 40 minuti di ritardo. Alle ore 19.57 il macchinista aveva segnalato un nuovo guasto nella galleria dello Zimmerberg. Il macchinista di un altro treno aveva constato un incendio nella parte inferiore della penultima carrozza alle 20.14. Immediatamente sono stati allarmati pompieri, polizia e servizi sanitari. I viaggiatori presenti nel treno sono stati fatti uscire dalla galleria attraverso un uscita di salvataggio con l’aiuto del personale del treno. I dispositivi di pronto intervento e gli impianti di sicurezza hanno funzionato come previsto in queste occasioni.

Le persone interessate dall’evacuazione sono in seguito state trasportate con 2 bus alla stazione centrale di Zurigo e assistite dal personale alla clientela delle FFS. Circa 40 viaggiatori sono ripartiti verso sud con il treno successivo. Altre sessanta persone hanno richiesto i buoni per il viaggio in Taxi o il pernottamento in a albergo. La hotline messa rapidamente a disposizione per i parenti delle persone a bordo del pendolino ha registrato 20 contatti.

A seguito dell’evento, la galleria Zurigo–Thalwil è rimasta chiusa al traffico ferroviario. Questa mattina presto, dopo i controlli richiesti dal caso, è stata riaperta e il traffico ferroviario tra Zurigo e Thalwil ha ripreso a circolare secondo orario.

La causa del guasto al veicolo motore e dell’incendio sono oggetto d’inchiesta degli specialisti della polizia zurighesi, dell’Ufficio per gli incidenti ferroviari del Dipartimento dei trasporti e delle FFS.

Le FFS si scusano con i viaggiatori coinvolti per gli importanti disagi subiti e ringraziano nel contempo tutte le squadre di pronto intervento per la rapidità d’esecuzione.

Inaugurata nel 2003 e lunga 9,4 chilometri, la galleria dello Zimmerberg, tra Thalwil e Zurigo, dispone delle più moderne installazioni di sicurezza e di salvataggio in caso di soccorso. Per migliorare ulteriormente la sicurezza, le FFS hanno dotato le 60 gallerie ferroviarie più lunghe con installazioni di autosalvataggio. I sistemi di sicurezza montati nelle gallerie, in parte con oltre cento anni di esistenza, sono composti da: illuminazione in caso d’incendio con pulsante d’allarme, percorsi a lato dei binari lungo la parete della galleria, corrimano e cartelli indicanti le via d’uscita con i la distanza in metri dall’uscita più vicina.

Ulteriori contenuti