Bellinzona: riapre il mitico «Laciott».

Da metà maggio 2006 il rinnovato «Laciott» è pronto a sfornare gustosi menu in un ambiente più moderno e funzionale. Molte le novità, tra le quali spiccano un moderno self-service con 50 posti a sedere e una sala riunioni attrezzata. L'investimento di FFS Immobili per la nuova struttura è di 990'000 franchi.

Dal 15 maggio, la Bellinzona ferroviaria ha di nuovo il suo «Laciott». Il ristorante del personale FFS in Ticino, gestito dalla società SV, è pronto a riaccogliere i suoi affezionati clienti ferrovieri ed i dipendenti delle ex regie federali. La clientela è accolta in un moderno self-service con 50 posti a sedere. Il locale può ora vantare una luminosa e tranquilla sala riunioni contigua alla mensa con 24 posti a sedere. Quest'ultima è disponibile sia per i dipendenti FFS, che per gli esterni ed è attrezzata con beamer, impianto DVD, CD e VHS, flipchart, ecc.

«L'atmosfera è rimasta comunque quella di un tempo», spiega Nicola Binzoni, architetto di FFS Infrastruttura che ha seguito i lavori svolti da diverse ditte e artigiani ticinesi, sotto la gestione di Kamm Architekten di Zugo. Si è voluto ricreare un ambiente accogliente. Più un ristorante quindi, che una mensa aziendale: luci basse sopra i tavoli che pendono dall'alto soffitto e tavoli con sedie in legno di produzione svizzera rendono il locale più caldo e ospitale. Grazie al moderno impianto di aerazione l'odore di cibo, che impregnava un tempo i vestiti, sarà solo un ricordo. Anche il fumo è stato messo al bando.


Cucina a vista e ampia scelta

Al «Laciott» la società SV punta sulla freschezza degli alimenti. I piatti sono preparati sul momento e vi è una maggior libertà di scelta. Si inizia con una zuppa o in alterna-tiva un succo di frutta. Si prosegue con un piatto di carne o pesce, al quale si ag-giunge il primo piatto. Per chi non dovesse apprezzare i cibi proposti, sono previste specialità alla piastra. Si giunge poi agli espositori scaldavivande, dove il cliente può scegliere tra sei contorni (riso, verdure ecc.), oppure optare per un'insalata. Il tutto per soli 9.50 franchi.

Ulteriori contenuti