Nuove centrali dell’esercizio a Olten e Zurigo.

Le FFS riuniranno il controllo dispositivo e operativo del traffico ferroviario nella Svizzera tedesca in due centrali dell’esercizio situate a Olten e Zurigo. Gli investimenti per la realizzazione dei due centri di comando ammontano a 160 milioni di franchi. Una terza centrale per il comando del traffico nella Svizzera romanda è in fase di realizzazione a Losanna, la quarta è in esercizio dal 2003 in Ticino. La riorganizzazione si concluderà nel 2015.

Già oggi il 60 percento delle stazioni e linee ferroviarie delle FFS sono gestite in telecomando da diversi piccoli centri. Con il proseguimento del programma di automazione delle stazioni, entro il 2015 sarebbe tecnicamente possibile gestire tutti i 3000 chilometri di rete FFS, incluse le 750 stazioni e fermate, da un unico centro di controllo. Con la continua crescita dell’esercizio ferroviario – la densità di treni sulla rete FFS è cresciuta di oltre il 30 percento negli ultimi dieci anni – ne è conseguito un sempre maggiore impegno per i responsabili della gestione dell’esercizio. L’unificazione delle funzioni dispositiva (la successione dei treni) e operativa (disposizione scambi e segnali) nelle centrali dell’esercizio, tiene conto di questo sviluppo e facilita una comunicazione diretta e rapida in caso di perturbazioni sulla rete. Le conseguenze positive sono: tempi di reazione più rapidi e una riduzione delle ripercussioni negative sull’orario.


In futuro tre grandi centrali e due più piccole

Le FFS hanno deciso di gestire il futuro traffico ferroviario con l’ausilio di tre grandi centrali dell’esercizio poste a Losanna, Olten e Zurigo e due centrali più piccole – subordinate dal punto di vista operativo a Olten – situate a Bellinzona e Spiez (BLS). Il concetto migliora, da una parte, la disponibilità del sistema, dall’altra tiene conto delle esigenze del personale e delle differenze linguistiche.

Il primo passo in questa direzione è stato effettuato dalle FFS con la realizzazione e la messa in esercizio nel 2003 del «Centro d’Esercizio Regionale (CER)» di Bellinzona. Da questa centrale viene attualmente controllato e telecomandato tutto il traffico ferroviario da Erstfeld a Chiasso e da Giubiasco a Locarno/Luino. La nuova gestione produce effetti positivi percepiti dalla clientela: dalla messa in esercizio della centrale a Bellinzona, le FFS hanno migliorato la puntualità e l’informazione alla clientela in Ticino. Entro il 2012 è inoltre prevista la realizzazione di una nuova centrale dell’esercizio a Pollegio con la conseguente migrazione del personale dall’attuale Centro d’esercizio regionale (CER) di Bellinzona.

A partire dal 2007 sarà realizzata a Losanna la seconda centrale dell’esercizio. A poco a poco verranno concentrate a Losanna tutte le attività svolte attualmente dai diversi centri di telecomando presenti sulla rete FFS nella Svizzera romanda. Accanto alle funzioni operative – la gestione degli scambi e dei segnali – sarà integrata nella centrale di Losanna anche la funzione dispositiva – lo svolgimento del traffico ferroviario. Il futuro centro sarà competente per questi due aspetti per l’insieme del traffico ferroviario in Romandia.


Olten e Zurigo nella Svizzera tedesca

Nella Svizzera tedesca, la gestione del traffico ferroviario sarà suddivisa tra due centrali dell’esercizio, poste a Olten e Zurigo. Inizialmente le FFS erano a favore della realizzazione di un solo grande centro di telecomando (Rail Control Center) situato ad Olten. Fattori legati alla migliore disponibilità e alla maggiore flessibilità in caso di perturbazioni hanno avuto un peso preponderante nella decisione a favore di due centrali al posto di una. Nonostante l’esistenza di ridondanze nei sistemi di gestione del traffico, le perturbazioni agli apparecchi non sarebbero infatti completamente da escludere. Il futuro concetto prevede quindi che ognuna delle future centrali d’esercizio di Olten e Zurigo sia in grado, in caso di perturbazioni, di riprendere l’attività di gestione del traffico ferroviario dell’altra. La ripartizione dei posti di lavoro nelle due regioni tiene inoltre in considerazione le richieste formulate dai dipendenti.

Il campo d’attività della centrale di Olten comprende la Svizzera centrale e – con l’appoggio di Spiez e Bellinzona – le due trasversali alpine del San Gottardo e del Lötschberg. Il traffico ferroviario merci sull’asse nord–sud sar0 così gestito da un’unica postazione. La centrale dell’esercizio di Zurigo gestirà invece il traffico ferroviario nel grande agglomerato della città sulla Limmatt, con la sua fitta rete di collegamenti S-Bahn, e la Svizzera orientale. Inoltre è stata prestata particolare attenzione a non suddividere la gestione operativa e dispositiva di una rete S-Bahn tra più centrali.

Il progetto «Centrali dell’esercizio» per la realizzazione di entrambi i centri di Olten e Zurigo prenderà avvio nelle prossime settimane. Gli investimenti complessivi ammontano a 160 milioni di franchi. La migrazione del personale dagli attuali centri di telecomando e centrali dell’esercizio, così come dalle stazioni ancora gestite in loco, verso le due nuove centrali terminerà entro il 2015 circa.

Ulteriori contenuti