Rendiconto semestrale FFS 2006: Più prestazioni e migliore risultato aziendale.

Traffico viaggiatori e merci delle FFS hanno aumentato le proprie prestazioni ciascuno del 3,8 percento nei primi sei mesi del 2006. Nel citato periodo l’utile aziendale ammonta a 59,4 milioni di franchi (2005: 29,4 mio. di franchi). Al miglioramento del risultato ha contribuito in maniera determinate l’aumento del 5,6 percento dei ricavi d’esercizio nel traffico viaggiatori. Anche FFS Cargo, nonostante la forte pressione della concorrenza, ha praticamente mantenuto i ricavi al livello dello scorso anno, grazie al positivo sviluppo nel mercato interno, ed è riuscita a diminuire sensibilmente le perdite con efficaci misure adottate nell’ambito della riduzione dei costi.

Nell’insieme è stato registrato uno sviluppo positivo della domanda di prestazioni indirizzata alle FFS nel primo semestre del 2006, sia nel traffico viaggiatori, che in quello merci. L’aumento delle prestazioni del traffico viaggiatori e merci è pari al 3,5 percento per ciascun comparto, raggiungendo la somma di 1'604,1 milioni di franchi.  

Nei primi sei mesi del 2006, il gruppo FFS ha conseguito un utile d’esercizio pari a 78 mio. di franchi, superando di quasi 21 milioni di franchi quello conseguito nel primo semestre del 2005 (57,2 mio.). Nel 2006, l’utile semestrale delle FFS è cresciuto, rispetto allo stesso periodo del 2005, di 30 milioni di franchi, raggiungendo 59,4 mio. di franchi.


Più clienti soddisfatti e maggiori ricavi nel traffico viaggiatori

I chilometri percorsi sui treni delle FFS dai viaggiatori sono cresciuti, in base a dati provvisori, del 3,8 percento, a 7’018 mio. di passeggeri-chilometro. Le FFS hanno registrato un aumento della domanda, in particolare per i viaggi nel tempo libero e nell’utilizzo dell’Abbonamento generale, con un conseguente aumento delle frequenze e delle distanze degli spostamenti in treno. Oggi 300mila clienti in Svizzera viaggiano con l’Abbonamento generale, mentre oltre due milioni sono in possesso di un Abbonamento metà-prezzo. Contemporaneamente, la clientela si è espressa positivamente riguardo alle prestazioni offerte dalle FFS. La soddisfazione dei viaggiatori è in costante ascesa – dal 75,88 al 76,88 percento – in base ai sondaggi. Particolarmente significativa è la maggiore soddisfazione nell’ambito della pulizia e della climatizzazione nei treni, fattori questi da ricondurre principalmente all’introduzione di treni senza fumo. Anche il rapporto prezzo-prestazioni è stato considerato molto migliorato dalla clientela. La puntualità dei treni viaggiatori è aumentata rispetto allo scorso anno, periodo marcato da alcune panne: il 96,1 percento dei convogli ha raggiunto la destinazione con meno di cinque minuti di ritardo (2005: 95,5 percento). Anche la puntualità durante i giorni feriali è in aumento.

Con il rafforzamento dell’offerta di Ferrovia 2000, gli introiti nel traffico viaggiatori hanno fatto registrare uno sviluppo positivo. Nei primi sei mesi del 2006 sono nuovamente cresciuti del 5,6 percento, a 1'053,2 mio di franchi (2005: 997,1 mio. franchi). In questo comparto, accanto all’incremento di viaggiatori va aggiunto l’effetto generato dagli adeguamenti tariffari degli abbonamenti introdotti a fine 2004, che solo ora iniziano a produrre i loro effetti. Nel complesso il traffico viaggiatori ha aumentato l’utile semestrale, passato da 16,8 a 38,1 milioni di franchi.


FFS Cargo: le misure di riduzione dei costi producono effetti

Nel primo semestre del 2006, FFS Cargo è riuscita a rafforzare le prestazioni di trasporto in modo marcato. Contemporaneamente sono stati ridotti i costi.

FFS Cargo ha accresciuto le prestazioni nel settore del traffico merci del 3,8 percento, portandole a 6026 mio. di tonnellate-chilometro nette, rispetto allo stesso periodo del 2005. Nel mercato interno, grazie anche alla congiuntura favorevole, FFS Cargo ha fatto segnare un aumento delle prestazioni pari al 7,1 percento, salendo a 2029 mio. di tonnellate-chilometro nette. La riduzione dei punti di consegna è stata portata a termine con successo.

Nel mercato internazionale sono stati acquisiti nuovi traffici per un valore di 25,4 mio. di franchi. Questi introiti compensano la perdita della maggior parte del traffico gestito in precedenza in cooperazione con Railion, filiale merci della Deutsche Bahn.  Il traffico nord-sud ha fatto segnare una crescita delle prestazioni pari al 2,3 percento, toccando i 3997 mio di tonnellate-chilometro nette. A questa forte crescita hanno partecipato nuovamente a pieno titolo le società germanica e italiana con aumenti rispettivamente del 18,4 percento e del 5,8 percento.

I ricavi nel primo semestre del traffico merci ammontano complessivamente a 476.6 mio. di franchi, all’incirca i valori registrati nello stesso periodo, lo scorso anno. La concorrenza e la pressione sui prezzi hanno espletato la loro azione come non mai. Il risultato operativo aziendale è stato migliorato di 9.3 mio. di franchi. Nel contempo, sono state soppresse le sovvenzioni federali per il trasporto a carri completi per un valore di 13 mio. di franchi. Di conseguenza, dal profilo operativo, il risultato è migliorato di 22.3 mio. di franchi. La perdita semestrale è pari a 35.2 milioni di franchi (anno precedente: 44.5 milioni di franchi).


Leggero aumento di utilizzo dell’infrastruttura – Più ricavi per il settore immobili

L’Infrastruttura ha fatto segnare una leggera crescita nella vendita di tracciati. Nel complesso, la quantità di tracciati venduti, pari a 75,4 milioni di tracce-chilometro, supera dello 0.5% quella del 2005. In questo settore sono cresciuti principalmente i chilometri percorsi da terzi sulla rete FFS, con un più 5,7 percento, salendo a 6,1 milioni di chilometri. I proventi derivanti dalle prestazioni d’esercizio e dall’utilizzo dell’infrastruttura da parte di terzi hanno generato nei primi sei mesi del 2006 un ricavo d’esercizio di 74,3 mio. di franchi (-0.8%). Il risultato semestrale si è ridotto a 20.8 mio. di franchi.


Maggiori introiti per gli Immobili

Il settore immobiliare ha approfittato in particolare del successo fatto segnare dalle sette stazioni RailCity, i cui il giro d’affari di negozi e servizi è aumentato del 5,2 percento – dato superiore alla crescita fatta segnare nel commercio al dettaglio – generando così maggiori introiti da affitti alle FFS. I proventi di FFS Immobili sono cresciuti del 3,9 percento, a 282,5 mio. di franchi, il risultato semestrale a 35 mio. di franchi.


Prestazioni della mano pubblica

A fronte di un sostenuto aumento delle performance aziendali nel traffico viaggiatori e merci, le prestazioni della mano pubblica ammontano nel loro insieme a 924,3 mio. di franchi (+0.3%). Gli indennizzi (nel traffico regionale e Huckepack) sono scesi di 3,5 mio. di franchi, a 318,6 mio., a fronte dell’aumento dell’offerta nel traffico regionale. Le prestazioni della Confederazione per l’infrastruttura sono cresciute nell’ambito dell’accordo quadro per il mantenimento della sostanza e dei contributi per l’esercizio di 6,1 milioni, ad un totale di 605,7 mio. di franchi.


In prospettiva

Nel traffico viaggiatori, le FFS si attendono una crescita costante della domanda. L’azienda intende consolidare la soddisfazione della clientela e prevede uno sviluppo positivo degli introiti anche in futuro. Nel traffico merci vi sono buone possibilità che anche dopo la concentrazione del traffico nazionale a carri completi, la tendenza nel traffico interno possa ulteriormente migliorare rispetto allo scorso anno, grazie in particolare ad un’offerta più attenta ai bisogni della clientela, che possa ulteriormente ridurre la perdita registrata lo scorso anno. Nell’insieme le FFS si pongono quale obiettivo il raggiungimento delle cifre nere al termine del 2006, grazie ad una continua ottimizzazione dei costi e all’aumento della produttività.

Dal punto di vista dell’esercizio, le FFS intendono consolidare gli alti livelli raggiunti dal traffico ferroviario con l’attuale orario, diminuire il numero di perturbazioni e ridurre il più possibile i ritardi.

Informazione di natura contabile Le FFS applicano le nuove disposizioni di Swiss GAAP RPC 16 Standard «Obblighi previdenziali» in vigore dal 1° gennaio 2006.

Le nuove disposizioni prescrivono di contabilizzare secondo metodi statici nel bilancio annuale dell’azienda gli oneri e i vantaggi economici di una sotto- o sopracopertura della Cassa pensioni e, durante il mutamento, di contabilizzare gli obblighi previdenziali con fondi propri. Questa procedura non produce effetti sui risultati contrariamente agli anni passati, quando veniva applicato il metodo detto dinamico. Per permettere il confronto degli anni 2006 e 2005, l’utile semestrale del 2005 è stato corretto di 66 milioni di franchi, cifra corrispondente agli accantonamenti di RPC 16.

Ulteriori contenuti

Download.