La 2000a classe visita il treno-scuola delle FFS a Morges.

Questa settimana il treno-scuola delle FFS fa tappa a Morges (VD) dove sarà visitato da circa 500 allieve e allievi delle scuole della regione. Le animatrici e gli animatori scolastici cercano di coinvolgere i giovani e sensibilizzarli, indicando loro il giusto comportamento nelle stazioni e nei treni. Il treno accoglie oggi la 2000a classe dal lancio, nel 2003, della campagna nazionale «Corretto, sicuro!».

Per il terzo anno consecutivo il treno-scuola percorre le stazioni di tutte le regioni svizzere per presentare ai ragazzi delle scuole medie la campagna nazionale «Corretto, sicuro!». Attualmente il treno-scuola si trova nella Svizzera romanda dopo essere transitato in Ticino nel mese di marzo. L'obiettivo della campagna «Corretto, sicuro!» è di sensibilizzare i giovani tra il sesto e l'ottavo anno di scuola nei confronti della ferrovia, in particolare per evitare al massimo gli infortuni e il vandalismo. Troppo spesso infatti i giovani assumo atteggiamenti a rischio nei pressi degli impianti ferroviari, ad esempio ignorando o sottovalutando le leggi fisiche dell'alta tensione. Il dramma in questi casi può verificarsi anche senza toccare i fili della linea di contatto. La corrente che le FFS utilizzano per far funzionare i treni è infatti 70 volte più potente di quella presente nelle prese delle economie domestiche. Altri invece per guadagnare qualche secondo mettono a repentaglio la propria vita attraversando i binari invece di utilizzare gli appositi sottopassi.

Dal lancio della campagna nazionale FFS sulla sicurezza nel 2003, circa 40mila allieve e allievi hanno visitato il treno-scuola delle FFS. La prevenzione degli incidenti e del vandalismo è uno dei pilastri portanti della politica di sicurezza delle FFS. A questa vanno aggiunti: l'aumento dei controlli sporadici, una maggiore presenza della polizia ferroviaria, i Grands Frères e la videosorveglianza sui treni regionali e nelle stazioni. Il treno-scuola sarà di nuovo in Ticino da fine febbraio a metà marzo 2007.

Ulteriori contenuti