Giovani mediatori sui treni regionali Tilo.

I grands frères ritornano sui treni regionali Tilo. A poco più di un anno di distanza dalla prima positiva esperienza in Ticino, nove grands frères, tra cui una donna, hanno iniziato il loro periodo di attività di prevenzione e mediazione il 21 maggio 2007. La misura è parte integrante di «RailFair», l'insieme dei provvedimenti sulla sicurezza e la prevenzione delle FFS.

FFS e Tilo, in collaborazione con l'Ufficio delle misure attive della Sezione del lavoro del Cantone Ticino e la Croce Rossa Svizzera Sezione di Lugano, hanno lanciato in questi giorni per la seconda volta in Ticino i grands frères. Il programma mira a contrastare gli atti di vandalismo e di inciviltà sui mezzi pubblici di trasporto. Le persone di età compresa tra i 20 ed i 40 anni alla ricerca di un posto di lavoro e interessate all'attività di prevenzione vengono reclutate e impiegate per un periodo di sei mesi in attività di prevenzione sui treni regionali.

Il compito specifico dei «fratelli maggiori» è di marcare presenza sui treni regionali cercando di appianare situazioni conflittuali e di sensibilizzare la giovane clientela ad un comportamento corretto sui treni. I grand frères sono pure in grado di fornire informazioni di carattere generale ai viaggiatori. A partire dal 21 maggio 2007, per una durata di sei mesi, 9 giovani pattuglieranno in coppia i treni Tilo sulle linee Biasca–Chiasso e Bellinzona–Locarno dalle ore 6.00 alle 23.00. I grands frères sono dotati di un giubbotto blu e di una tessera per essere facilmente riconoscibili.

Le persone selezionate attualmente in Ticino sono nove, tra di esse vi è per la prima volta una donna. La formazione comporta sei giorni di corsi presso la Croce Rossa Svizzera Sezione di Lugano in ambito di mediazione dei conflitti e tre presso le FFS per l'acquisizione delle nozioni di base sulla ferrovia. La formazione è finanziata dal Segretariato di Stato dell'economia (Seco) nell'ambito di un programma occupazionale nazionale. I fratelli maggiori percepiscono lo stipendio dalla Cassa disoccupazione del Cantone Ticino.

I grands frères sono parte integrante di RailFair, il pacchetto di misure sulla sicurezza delle FFS strutturato su tre livelli: prevenzione, mediazione e repressione. Esso include, oltre alla prevenzione RailFair, l'aumento dei controlli sporadici, una maggiore presenza della polizia ferroviaria e la videosorveglianza sui treni regionali. Attualmente i fratelli maggiori sono già attivi ad esempio nei Cantoni: Glarona, San Gallo, Lucerna, Losanna, Ginevra, Basilea, Jura, Neuchâtel Friburgo e Vaud. I riscontri della clientela e del personale sono positivi.

Ulteriori contenuti