CdA decide la sospensione a Bellinzona.

Il Consiglio d’amministrazione delle FFS, riunitosi ieri sera in seduta straordinaria, ha deciso di sospendere fino all’8 maggio 2008 l’applicazione delle misure decise per il sito di produzione di Bellinzona. Quale contropartita il Consiglio d’amministrazione si attende che lo sciopero si concluda nei prossimi giorni.

In uno scritto al comitato di sciopero e alla commissione del personale dello Stabilimento industriale di Bellinzona le FFS informano gli scioperanti riguardo alla decisione presa durante la seduta straordinaria di domenica sera. Nella lettera si legge: “La condizione fondamentale, in questa difficile situazione, è poter instaurare un dialogo basato sulla fiducia, che ci permetta di trovare e realizzare insieme soluzioni sostenibili per il futuro. Abbiamo iniziato questo dialogo e ora desideriamo proseguirlo. Il Consiglio d’amministrazione, nel corso della riunione straordinaria indetta domenica sera 16 marzo, ha deliberato di sospendere fino al 9 maggio 2008 le misure decise per lo Stabilimento industriale di Bellinzona. In cambio il CdA si attende che a Bellinzona lo sciopero si concluda nei prossimi giorni.”

Il Consiglio d’amministrazione ricorda l’offerta della tavola rotonda che le FFS hanno sottoposto ai sindacati e agli scioperanti nel corso della conferenza sul partenariato sociale tenutasi sabato a Biasca. A questo tavolo – questo il contenuto della lettera – avrete “la possibilità di analizzare, in una cornice adeguata tutte le nostre riflessioni e le soluzioni. Saranno esaminate e valutate apertamente anche tutte le alternative eventualmente possibili grazie all’aiuto del mondo politico.”

Nello scritto le FFS comunicano che da questa settimana si svolgeranno anche colloqui con i partner sociali allo scopo di raggiungere un accordo nelle altri sedi coinvolte dalle misure di risanamento di FFS Cargo.

Ulteriori contenuti

Download.