Concentrate a Däniken le operazioni di smistamento.

Le FFS adattano la struttura delle proprie stazioni di smistamento merci a fronte delle mutate esigenze del mercato. Il Consiglio d'amministrazione delle FFS ha approvato il relativo concetto. Da fine 2008 le attività della stazione di smistamento di Olten saranno concentrate a Däniken. Saranno soppressi 28 posti di lavoro. Le FFS si impegnano a trovare una soluzione per tutti i collaboratori interessati. Non vi saranno licenziamenti.

La stazione di smistamento di Olten è costituita da due impianti con circa 70 dipendenti: l'impianto di Olten e quello di Däniken. A partire dal cambio d'orario del dicembre 2008 l'impianto di Olten non effettuerà più operazioni di smistamento, le quali saranno concentrate nell'impianto di Däniken. A Däniken FFS Infrastruttura dispone di impianti più moderni ed efficienti. L'impianto di Olten sarà utilizzato e resterà a disposizione per le operazioni di  consegna e il ricovero dei treni. Sono interessati dalla misura 36 dipendenti dell'impianto di Olten. Per 5/8 collaboratori vi è la possibilità di trasferirsi a FFS Cargo. Nell'insieme andranno comunque persi 28 posti di lavoro.

Le FFS hanno informato i partner sociali con anticipo delle misure previste e stanno gestendo la ricerca di un nuovo impiego insieme ai collaboratori interessati dalla misura. Non vi saranno licenziamenti conformemente al Contratto collettivo di lavoro attualmente in vigore.


Applicazione in due fasi

Il Consiglio d'amministrazione delle FFS ha approvato il concetto del futuro paesaggio delle stazioni di smistamento delle FFS durante la sua ultima seduta. Il motivo della decisione è da ricercare nelle mutate condizioni di mercato e dalle richieste della clientela. Ciò ha portato FFS Cargo ad adottare una serie di nuovi prodotti e a un nuovo concetto di trasporto, con ripercussioni sullo scenario delle stazioni di smistamento. FFS Cargo e Infrastruttura hanno quindi elaborato una strategia comune per l'ottimizzazione dell'insieme delle stazioni di smistamento. Accanto agli adattamenti nel concetto dei trasporti di FFS Cargo, le FFS sono pure obbligate a verificare, in base all'attuale Convenzione sulle prestazioni con la Confederazione, se il numero delle attuali otto stazioni di smistamento può essere ridotto a sei. La riduzione è dovuta al fatto che le attuali stazioni di smistamento hanno alti costi d'esercizio non coperti e sono sfruttate in modo insufficiente. Nelle stazioni di smistamento di Olten e Bienne sono inoltre necessari importanti investimenti di ampliamento e ammodernamento.

Il nuovo concetto di trasporto di FFS Cargo, così come la necessità di adattamento presso le stazioni di smistamento comportano le seguenti misure:

  • In una prima fase FFS Cargo adotta la sua rete Express a partire da dicembre 2008. Le operazioni di smistamento saranno concentrate negli impianti di Zurigo-Mülligen, Däniken e Renens. Questo comporta la menzionata concentrazione delle attività di smistamento all'impianto di Däniken.
  • Presumibilmente nel dicembre del 2009 sarà adottata la rete Cargo-Rail su tutto il territorio svizzero. La concentrazione delle attività su poche stazioni comporta un aumento della capacità di sfruttamento degli impianti e tempi di ritiro, consegna e trasporto più flessibili. Ciò avrà delle ripercussioni per la stazione di Bienne: il bisogno di prestazioni di smistamento subirà un calo. Attualmente non vi sono ancora studi di dettaglio. Le ripercussioni sulla stazione di smistamento di Bienne, così come la sua riconversione saranno analizzate nel dettaglio in una prossima fase.

Presso le restanti sei stazioni di smistamento delle FFS non sono previsti per il momento, in base alla decisione del CdA, cambiamenti di rilievo.

Ulteriori contenuti