Certificazione VPI per le Officine di Bellinzona.

Le Officine di Bellinzona ha ottenuto la certificazione della Federazione dei carri merci privati (VPI), che rappresenta gli interessi del settore, per quanto attiene la manutenzione dei carri merci eseguita in loco.

La VPI (Vereinigung der Privatgüterwagen-Interessenten) è una federazione con oltre 100 affiliati del ramo ferroviario e dei trasporti. Due uditori della Federazione hanno sottoposto negli scorsi giorni le Officine di Bellinzona a una perizia tecnico-specialistica. Dall’esame di dettaglio sui processi industriali è scaturito un giudizio positivo. Gli auditori chiederanno ora alla direzione della VPI di riconoscere a Bellinzona la certificazione degli standard di qualità.

Grazie a questo riconoscimento lo stabilimento industriale ticinese delle FFS dimostra di essere in grado di offrire l’elevato grado di manutenzione conforme ai processi e alle direttive della VPI. Le Officine di Bellinzona hanno inoltrato domanda alla VPI affinché fossero riconosciuti tutti punti del manuale di qualità della stessa Federazione, ad eccezione della manutenzione dei carri cisterna. Particolarmente importante è il rilascio della certificazione per la manutenzione delle sale montate – l’insieme costituito di due ruote e dell’asse corrispondente di un rotabile ferroviario – non solo per i rinnovi dei profili delle ruote, ma anche per la sostituzione degli stessi, che attualmente è offerto solo da pochi stabilimenti industriali.

«Il rilascio della certificazione di qualità in base agli standard VPI rafforza il ruolo delle Officine di Bellinzona e ci permette di competere con prestazioni concorrenziali e di mercato nell’ambito della manutenzione dei carri merci. L’accesso al mercato della manutenzione dei carri in Europa è ora aperto anche a noi», sottolinea soddisfatto Sergio Pedrazzini, Direttore dello Stabilimento industriale di Bellinzona.

Maggiori informazioni sul settore della manutenzione di FFS Traffico viaggiatori sono consultabili nel sito www.ffs.ch/operating.

Ulteriori contenuti