Esce di scena un consigliere federale dai grandi meriti nel settore dei trasporti pubblici.

È con grande rammarico che le Ferrovie federali svizzere FFS hanno notizia delle dimissioni del consigliere federale Moritz Leuenberger. Grazie al suo lavoro nel settore dei trasporti pubblici, Leuenberger ha creato le basi per l’infrastruttura ferroviaria di oggi e di domani, caratterizzata dall’efficienza e punteggiata di successi. Per questo gli spettano i ringraziamenti delle FFS e dei loro 900 000 clienti giornalieri.

Il Consiglio d’amministrazione, la Direzione del Gruppo e il personale delle FFS hanno appreso oggi con grande rammarico la notizia delle dimissioni di Moritz Leuenberger dalla carica di Consigliere federale. A Leuenberger va il grande merito per lo sviluppo dei trasporti pubblici in Svizzera dal 1995 a questa parte.

Segnatamente la riforma delle ferrovie e la trasformazione delle FFS da regia federale in moderna azienda nella veste di società anonima di diritto speciale segnano l’impegno lungimirante di Leuenberger. Sono strettamente legati alla sua persona anche il potenziamento dell’offerta ferroviaria in Svizzera con Ferrovia 2000 e l’avveniristica politica di trasferimento. Gli attuali progetti strategici SIF e Ferrovia 2030 sono stati da lui promossi e accelerati.

Con il suo lavoro nell’ambito dei trasporti pubblici, Moritz Leuenberger ha posato gli scambi per l’infrastruttura ferroviaria efficiente di oggi e delle generazioni future. «Le FFS ringraziano cordialmente Moritz Leuenberger per il suo impegno assiduo e di rilievo per i trasporti pubblici svizzeri», dichiara il presidente del Consiglio di amministrazione delle FFS Ulrich Gygi. «Le FFS augurano sentitamente al consigliere uscente ogni bene e sperano che il Dipartimento competente per i trasporti pubblici sia mosso anche in futuro dalla volontà di continuare a potenziare l’infrastruttura ferroviaria in virtù di una base forte per una Svizzera di successo», aggiunge Gygi.

Ulteriori contenuti