Locomotive ibride per lo smistamento del futuro.

FFS Cargo e Stadler Winterthur AG hanno presentato oggi per la prima volta la nuova locomotiva ibrida del tipo Eem 923. A inizio 2012 FFS Cargo metterà in esercizio la prima di 30 locomotive ordinate. Questi mezzi permettono un servizio di tratta e di consegna più efficiente e rispettoso dell’ambiente.

«Questa è la più moderna ed innovativa locomotiva di manovra presente attualmente sul mercato», ha spiegato Hartmut Dietrich, CEO di Stadler Winterthur AG, durante l’odierna presentazione alla stampa. La nuova locomotiva rappresenta una pietra miliare per la nostra azienda. Il nuovo veicolo è basato sulla locomotiva di tipo Ee 922, attualmente utilizzata con successo da FFS Viaggiatori nelle manovre. All’esterno il suo aspetto è simile a quello della sorella già in funzione e dotata di esclusiva alimentazione elettrica, sotto la sua veste di metallo la differenza è però considerevole: «la Eem 923 dispone, accanto al doppia motore elettrico, di un motore diesel aggiuntivo per l’utilizzo sui binari sprovvisti di linea di contatto, aumentandone notevolmente l’efficienza», ha sottolineato Alberto Cortesi, responsabile Engineering presso Stadler Winterthur.

Traffico a carri combinati con maggiore efficienza.

Per le necessità di FFS Cargo la trazione ibrida è la soluzione ideale. Infatti la Eem 923 è adatta sia come locomotiva di tratta sia per lo smistamento; FFS Cargo consegue quindi una maggiore flessibilità nell’ambito della produzione. «Con una velocità massima di 120 km/h grazie alla nuova locomotiva sarà più facile utilizzare le tracce libere sulla sovraccarica rete ferroviaria svizzera », ha spiegato Michel Henzi, Capo progetto generale presso FFS Cargo. In futuro FFS Cargo si aspetta sia una disponibilità decisamente più elevata di veicoli che costi di esercizio e di manutenzione inferiori. «Quando nel 2013 tutte e 30 le locomotive ordinate saranno in esercizio, i costi di esercizio diminuiranno per il solo fatto di utilizzare in maniera preponderante la trazione elettrica per le operazioni di smistamento. Grazie a ciò ridurremo le emissioni di CO2 di oltre 4000 tonnellate all’anno», ha proseguito Henzi.

Secondo Jürgen Mues, responsabile Asset Management e membro della direzione di FFS Cargo, la locomotiva ibrida si dimostra una scelta innovativa e efficiente: «con questo mezzo abbiamo scelto consapevolmente una locomotiva di manovra rispettosa dell’ambiente e molto efficiente dal punto di vista energetico». Secondo Mues la locomotiva rappresenta un chiaro segnale di FFS Cargo nei confronti del traffico a carri combinati in Svizzera.

Foto della nuova locomotiva elettrica sono disponibili su www.sbbcargo.com/it/fotoIl link si apre in una nuova finestra..

FFS Cargo punta sulla sostenibilità.

FFS Cargo, puntando sulle locomotive ibride per lo smistamento di merci, svolge un ruolo pionieristico nel panorama delle ferrovie merci europee. A luglio 2010 FFS Cargo ha ordinato a Stadler Winterthur AG 30 nuove locomotive ibride a due assi del tipo Eem 923 per un importo di 88 milioni di franchi. Le locomotive dotate di tecnologia di punta saranno consegnate nel 2012 e 2013 e saranno utilizzate nel servizio di tratta e di smistamento leggero e medio. Esse sostituiscono le attuali locomotive di smistamento del tipo Bm 4/4 e diversi altri tipi di locomotive a tre assi oltre che i trattori, non più conformi alle moderne esigenze d’esercizio. Anche la manutenzione e la crescente predisposizione ai guasti provocata dall’età degli attuali dei veicoli di manovra generano costi sempre maggiori. Grazie al nuovo acquisto FFS Cargo è in grado di ridurre la varietà dei veicoli presenti oggi nella flotta del servizio di smistamento e consegna, con conseguenti vantaggi di efficienza, sia nell’ambito dell’esercizio che della manutenzione. La Eem 923 si integra in modo ottimale tra la locomotiva diesel con filtro antiparticolato del tipo Am 843, destinata ai servizi di smistamento pesante e la locomotiva Tm 232 – anch’essa dotata di filtro antiparticolato – per il servizio di smistamento leggero.

Maggiori informazioni:

FFS Servizio media: Tel. +41 (0)51 220 41 11, press@sbb.ch.

Stadler Rail Group: Tim Büchele, portavoce , Tel. +41 (0)61 639 95 77, tim.buechele@stadlerrail.comIl link si apre in una nuova finestra..

Ulteriori contenuti