Adesione alla società per un mercato immobiliare sostenibile: Le FFS puntano sulla sostenibilità.

Le FFS continuano sulla strada della sostenibilità in ambito immobiliare. Finora l'attenzione era posta soprattutto sull'ecologia. Da ora in poi si osserveranno in modo sistematico e preciso tutti e tre i criteri: la sostenibilità economica, sociale ed ecologica. Le FFS diventano membro della Società Svizzera per un mercato immobiliare sostenibile (SGNI) e introducono in una fase pilota un sistema di valutazione per un'edilizia sostenibile.

Nel settore immobiliare le FFS fanno un grande passo verso la sostenibilità. Il 1° dicembre le FFS diventano membro della Società Svizzera per un mercato immobiliare sostenibile (SGNI) e sono di conseguenza il primo committente della costruzione in Svizzera ad aderire alla società. Inoltre il 1° gennaio 2012 le FFS adottano come test il marchio di qualità per l'edilizia sostenibile (DGNB) per le nuove costruzioni, ossia una versione del marchio adattata alla realtà svizzera. La versione svizzera del marchio DGNB e gli aspetti di sostenibilità verranno applicati dapprima in cinque grandi progetti di sviluppo. «Abbiamo scelto il sistema di certificazione DGNB, perché considera sia gli aspetti ecologici ed economici della sostenibilità, sia quelli sociali. Tutti e tre i settori sono importanti e dovranno essere osservati nei nostri progetti immobiliari», spiega Jürg Stöckli, capo di FFS Immobili.

La certificazione sarà impiegata la prima volta nel quadro di un progetto pilota, in occasione del lotto H della Europaallee a Zurigo, un modello di sostenibilità e allo stesso tempo il progetto di sviluppo più importante delle FFS. Le FFS verificheranno regolarmente la praticabilità del sistema svizzero di certificazione DGNB e il sistema di valutazione sarà parte integrante della fase di pianificazione dei futuri progetti.

Maggiori informazioni su SGNI e DGNB sono pubblicate al sito www.sgni.chIl link si apre in una nuova finestra..

Ulteriori contenuti