FFS Cargo migliora il bilancio di CO2.

La ferrovia merci svizzera FFS Cargo alleggerisce l’impatto ambientale di 1 milione di tonnellate di CO2 e, con un nuovo premio ambientale, fissa un altro parametro di riferimento per favorire il trasferimento alla rotaia e i trasporti merci ecologici.

Nel 2010 i treni di FFS Cargo hanno percorso più di 4 milioni di chilometri, vale a dire quasi 100 volte la circonferenza della terra. Se questi trasporti non fossero stati effettuati su rotaia, ma con il camion, l’ambiente avrebbe subito un carico di circa 1 milione di tonnellate di CO2 e 3,8 milioni di viaggi di camion in più. Ma FFS Cargo non si ferma e stabilisce continuamente nuovi parametri al fine di incentivare il beneficio ambientale per i suoi clienti e stimolarli sempre più a trasferire i trasporti dalla strada alla rotaia.

FFS Cargo ha lanciato ora il «prix éco» e premia i clienti che nel 2011 riducono maggiormente le emissioni di CO2 ricorrendo ai trasporti su rotaia. I vincitori di tre diverse categorie ricevono da FFS Cargo fino a 5'000 franchi sotto forma di contributo a myclimate, al fine di gestire un trasporto ferroviario a scelta senza alcun impatto sul clima. I premi saranno assegnati all’inizio del 2012. «In questo modo aiutiamo i nostri clienti a raggiungere i loro obiettivi in materia di sviluppo sostenibile, a dare visibilità al loro impegno per l’ambiente offrendo loro un vantaggio immediato sulla concorrenza», spiega Nicolas Perrin, CEO di FFS Cargo.

Già dal 2009 la ferrovia merci svizzera allestisce per i suoi clienti un rapporto individuale sulle emissioni con il consumo energetico, le emissioni nocive e i risparmi realizzati nei trasporti merci; in cooperazione con la fondazione non-profit myclimate, FFS Cargo propone addirittura soluzioni di trasporto merci a impatto zero sul clima.

Maggiori informazioni su: www.sbbcargo.com/it/prixecoIl link si apre in una nuova finestra.

Ulteriori contenuti