Cantone Ticino, FFS, FS, TILO e Trenord firmano l’«Accordo dei Castelli» in vista di Expo 2015 a Milano e lo condividono con la Regione Lombardia.

In vista dell’Esposizione universale a Milano nel 2015, il traffico ferroviario regionale transfrontaliero tra il Ticino e Milano, così come quello internazionale al San Gottardo e al Sempione saranno ulteriormente sviluppati e migliorati. Questa mattina a Bellinzona, i rappresentanti di Cantone Ticino, FFS SA, FS Italiane, Trenord e TILO hanno firmato e condiviso con la Regione Lombardia l’«Accordo dei Castelli». In questo Accordo le parti concordano di sviluppare e adottare congiuntamente un preciso piano d’azione e le relative misure. Sarà potenziata l’offerta nel traffico regionale, la futura linea Lugano–Mendrisio–Varese–Malpensa sarà messa in esercizio tempestivamente e l’orario sull’asse nord–sud (Zurigo-Milano) reso più affidabile. I partner intendono inoltre rafforzare l’offerta per il tempo libero nell’area Ticino/Lombardia in vista di Expo 2015.

All’Esposizione universale di Milano del 2015 sono attesi dai 30 ai 50 milioni di visitatori. Per il trasporto pubblico questo rappresenta l’opportunità di portare una parte consistente di viaggiatori in modo sicuro, confortevole ed ecologico all’evento internazionale. I partner dell’accordo intendono già oggi attivarsi affinché nel 2015, nel traffico regionale e internazionale a lunga percorrenza, sia garantita alla clientela un’offerta attrattiva e di buon livello. A tale scopo, questa mattina a Bellinzona, Marco Borradori, Direttore del Dipartimento del Territorio del Cantone Ticino, Andreas Meyer, CEO delle Ferrovie federali svizzere (FFS), Mauro Moretti, Amministratore Delegato delle Ferrovie dello Stato Italiane (FS), Giuseppe Biesuz, Amministratore Delegato di Trenord e Roberto Tulipani, Coordinatore regionale FFS Sud e CEO TILO SA, hanno sottoscritto e condiviso con Raffaele Cattaneo, Assessore alle Infrastrutture e mobilità della Regione Lombardia, l’«Accordo dei Castelli». I sei partner concordano di sviluppare congiuntamente le misure necessarie al raggiungimento degli obiettivi prefissati e ad adottarle nei termini prestabiliti. Tutti riconoscono il rafforzamento delle sinergie e lo sviluppo del trasporto pubblico in questa regione, un tema di valenza strategica. I sei partner si impegnano, nell’ambito delle rispettive competenze, a individuare le necessarie priorità nelle infrastrutture ancora in fase di progettazione, a garantire la messa in esercizio di quelle in costruzione e a promuovere il finanziamento degli interventi finalizzati a sostenere lo sviluppo delle prestazioni offerte. Lo sviluppo a tappe e il miglioramento della qualità nell’offerta ferroviaria transfrontaliera contempla diversi aspetti: orario, treni e infrastruttura; a questi temi le parti conferiranno particolare attenzione. La spinta propulsiva di Expo 2015 in Italia dovrà essere sfruttata per conseguire miglioramenti duraturi anche in vista dell’apertura della galleria di base del San Gottardo.


Incontri regolari per la verifica dell’applicazione delle misure

I partner dell’«Accordo dei Castelli» hanno condiviso un piano d’azione nel quale sono definiti gli obiettivi prioritari, le competenze ed i termini. Lo stato delle misure intraprese e il raggiungimento degli obiettivi concordati saranno verificati almeno una volta all’anno a livello tecnico e di direzione aziendale. Il primo incontro è in agenda a marzo del 2012.  

L’«Accordo dei Castelli» completa il lavoro del «Comitato direttivo italo-svizzero», incaricato di affrontare i progetti strategici per lo sviluppo dei collegamenti ferroviari internazionali e il potenziamento di quelli regionali transfrontalieri tra i due paesi


Maggiore stabilità e qualità nei collegamenti internazionali e nuovi treni

Tra gli obiettivi prioritari concordati tra le FFS e le FS vi è il miglioramento sensibile della stabilità dell’orario, l’affidabilità e la qualità dell’offerta nei prossimi anni sull’asse del San Gottardo nelle relazioni internazionali a lunga percorrenza. Il piano delle misure sarà definito entro dicembre 2011. Inoltre le FFS e le FS Italiane si attiveranno congiuntamente per adottare misure correttive sui treni affinché sull’asse nord-sud la clientela possa viaggiare in modo puntuale e affidabile: a tale scopo nel 2012 la riduzione di una coppia di treni ETR 470 sulla relazione Zurigo–Milano a parità di convogli a disposizione delle imprese ferroviarie contribuirà ad una maggiore stabilità dell’orario. I treni ETR 470 saranno ridotti progressivamente e sostituiti con convogli convenzionali. In stretta sinergia le due Ferrovie di Stato svilupperanno una serie di misure destinate a ridurre i tempi di percorrenza dei collegamenti internazionali con l’obiettivo di portarli ai livelli di puntualità richiesti dal mercato, senza intaccare la puntualità del traffico regionale. Inoltre, per conseguire livelli di puntualità attrattivi e stabili a lungo termine, a dicembre 2011 le FFS hanno pianificato la pubblicazione della gara d’appalto per l’acquisto di nuovi treni internazionali che saranno impiegati sull’asse del San Gottardo. Questi confortevoli e moderni convogli saranno disponibili dal cambio orario di dicembre 2016 per i collegamenti internazionali a lunga percorrenza.

Sempre in tema di collegamenti internazionali, le FFS e le FS si impegnano a condividere entro dicembre 2011, in collaborazione con Cantone Ticino e Regione Lombardia ed i gestori del servizio regionale, il concetto d’offerta internazionale fra la Svizzera e l’Italia (Assi del San Gottardo e del Sempione) in vigore a partire dal cambio dell’orario di dicembre 2012. 


Linea Lugano–Mendrisio–Varese–Malpensa e RegioExpress Ticino-Milano

I partner intendono proseguire nello sviluppo congiunto del traffico regionale transfrontaliero in vista di Expo 2015. Essi si impegnano ad intraprendere tutto quanto in loro potere per mettere in esercizio tempestivamente la futura linea Lugano–Mendrisio–Varese–Malpensa (FMV), definendo a breve termine le prestazioni, il potenziamento della flotta TILO – società partecipata da Trenord e FFS – e il relativo finanziamento. Inoltre, nell’accordo si è stabilito di promuovere l’interoperabilità dei macchinisti regionali TILO in vista dell’avvio del servizio sulla FMV, e si conferma, nell’ambito della pianificazione futura, il mantenimento – almeno fino alla messa in esercizio della galleria del Monte Ceneri – degli attuali apprezzati collegamenti Regio Express TILO tra il Ticino e Milano Centrale. Eventuali servizi di rinforzo o aggiuntivi in vista dell’Expo saranno invece definiti entro dicembre 2013 da FFS/TILO in collaborazione con Trenord ed in accordo con la committenza. 

L’«Accordo dei Castelli» contempla ulteriori temi: quali ad esempio la possibilità di estensione della Comunità tariffale Ticino e Moesano (Arcobaleno) sulle linee transfrontaliere da parte di Cantone Ticino e Regione Lombardia. Inoltre, in vista di Expo 2015 a Milano, è intenzione delle parti  di sviluppare offerte mirate congiunte per il tempo libero.

Ulteriori contenuti