Da settembre un progetto pilota: Lo Young Boys e le FFS firmano una collaborazione per i treni dei tifosi.

Da subito, il club calcistico bernese dello Young Boys garantirà per la sicurezza e la pulizia nei treni dei tifosi che seguono le partite fuori casa. Il progetto, che vede il coinvolgimento delle organizzazioni mantello dei tifosi YB e di Fanarbeit Bern - organizzazione che promuove una cultura dei tifosi positiva -, sarà applicato inizialmente per le cinque partite fuori casa che ancora attendono la squadra quest'anno. Le esperienze fatte nella fase sperimentale saranno valutate a inizio 2012, poi si deciderà come procedere. A tale scopo è stata siglata una corrispondente intesa, che verrà attuata in stretta collaborazione con le organizzazioni dei tifosi dello YB e di Fanarbeit Bern.

Il primo treno pilota dei tifosi partirà alla volta di Losanna domenica 11 settembre. Entro tale data, la squadra avrà costituito un proprio servizio di accompagnamento, con membri istruiti dalla polizia dei trasporti delle FFS. Insieme a Fanarbeit Berna e alle associazioni dei tifosi, il servizio garantirà il benessere dei passeggeri e conterrà i possibili danni al materiale rotabile. Sempre con Fanarbeit Bern, lo YB curerà gli aspetti legati al Littering e assumerà il controllo dei titoli di trasporto. Con un incaricato delle FFS, dopo ogni partita sarà poi svolto un controllo finale dei veicoli impiegati.

Ogni attore assume le proprie responsabilità

Con il modello di cooperazione sottoscritto, YB e FFS vogliono ridurre al minimo taluni fenomeni spiacevoli. Per l'attuazione, la squadra della capitale avrà l'aiuto delle organizzazioni dei tifosi e di Fanarbeit Bern, che finora hanno svolto un lavoro egregio in quest'ambito. Così ad esempio, già nella passata stagione gli sforzi compiuti in questo senso (fra l'altro con l'elaborazione e la rigida applicazione di un regolamento per le trasferte), hanno permesso di contenere i danni ai veicoli.

Il progetto pilota si fonda sulla fattiva collaborazione fra le organizzazioni dei tifosi, Fanarbeit Bern, lo YB e le FFS. Gli interessati ritengono che la sicurezza nei treni, e di conseguenza anche la riduzione dei relativi costi, sono obiettivi che possono essere raggiunti con l'operato comune di tifoserie, Fanarbeit Berna, YB e FFS. Tutti gli attori assumono dunque pragmaticamente la loro parte di responsabilità.

Meno costi per la sicurezza

In quanto ai tifosi in trasferta, l'intesa comporterà per il futuro la scorta con persone attive nell'ambiente della loro squadra del cuore. Essi potranno altresì acquistare i biglietti d'entrata per il tramite delle FFS a condizioni molto vantaggiose. Al termine della fase pilota, responsabili della squadra e dell'azienda di trasporti valuteranno le esperienze e la rispondenza al progetto, decidendo se proseguirlo. Dal canto loro, le FFS si ripromettono una sensibile riduzione degli oneri legati alla sicurezza.

Una cooperazione esemplare con le organizzazioni dei tifosi

Per il CEO FFS Andreas Meyer l'accordo con lo YB è «un passo concreto ed estremamente importante con una prima società, per risolvere in maniera duratura un problema divenuto urgente». Egli si è anche detto felice che gli intensi e costruttivi colloqui con i responsabili del club e le organizzazioni dei tifosi abbiano portato a tale soddisfacente esito. «Vogliamo che il fascino del calcio torni ad essere il punto centrale», sostiene Meyer.

Così Ilja Kaenzig, CEO dello Young Boys: «Lo YB sostiene ogni provvedimento fondato e in grado di migliorare le cose. Il progetto pilota dimostra la buona collaborazione tra le FFS e i fan giallo-neri.»

Alexandra Herren di fantreff intravede un contributo notevole al programma di autoregolazione finora attuato con successo: «Si può rispondere in modo proattivo alla pressione pubblica con una soluzione basata sul modello attuale, ben funzionante.»

Per Samuel Durrer, membro di comitato della federazione di tifosi conosciuta con il nome di «gäubschwarzsüchtig», questo progetto pilota testimonia anche il lavoro fatto: «Abbiamo saputo dimostrare di assumerci le nostre responsabilità con i treni speciali. La strada della collaborazione e della responsabilità individuale dei tifosi è senz'altro più costruttiva e praticabile dell'idea di un biglietto combinato.»

Nota per i media elettronici:

Nota ai rappresentanti dei media:

Ulteriori contenuti