Cantiere AlpTransit Ceneri a Vezia: Possibili ritardi nelle ore di punta sulla S10.

AlpTransit Ceneri sta eseguendo lavori di preparazione della linea ferroviaria in vista dell’apertura della futura galleria di base del Monte Ceneri, in territorio di Vezia. Gli interventi richiedono lo sbarramento di un binario delle FFS e la gestione di tutto il traffico ferroviario su quello rimanente. Durante le ore di punta sono possibili ritardi di alcuni minuti per i treni TILO S10.

AlpTransit sta eseguendo lavori di genio civile e di tecnica ferroviaria per l’adeguamento del tratto ferroviario esistente ai binari che usciranno dalla futura galleria di base del Monte Ceneri. Nella zona tra il portale sud della Galleria di base del Ceneri a Vezia e l’imbocco delle gallerie di Massagno sono in esecuzione diversi interventi, tra cui lo spostamento dei binari della linea FFS in prossimità del nuovo rilevato ferroviario, una nuova linea di contatto, l’adeguamento del sedime ferroviario e le infrastrutture tra cui drenaggio, canali e cavi. A causa della prossimità del cantiere ai binari sono necessarie particolari misure di sicurezza per garantire l’incolumità dei viaggiatori e dei lavoratori sul cantiere AlpTransit. Questi provvedimenti comportano limiti di velocità ai treni in transito e intervalli dei binari a senso alternato per creare gli spazi indispensabili all’esecuzione in sicurezza dei lavori.

La prima fase degli interventi, iniziati giovedì 11 ottobre, terminerà martedì 30 ottobre 2012. La gestione su un solo binario del denso traffico merci, viaggiatori a lunga percorrenza e regionale, può causare ritardi di alcuni minuti ai treni Tilo S10 nelle ore di punta, in particolare quelle del mattino tra le 7 e le 8.30. Le FFS e TILO hanno modificato alcune rotazioni del materiale rotabile con l’intento di minimizzare i ritardi sulle relazioni maggiormente toccate e gestire così al meglio la delicata fase di cantiere.

Le FFS e TILO si scusano con la clientela per i possibili rallentamenti nei collegamenti sulla tratta citata.

Ulteriori contenuti