Incontro tra il Governo Ticinese e le FFS: FFS e Cantone d'accordo nell'assicurare massima trasparenza.

Nel prossimo futuro saranno conclusi molti progetti importanti delle FFS in Ticino. In occasione di un incontro che si è tenuto oggi a Bellinzona, il Governo Ticinese, i rappresentanti del Municipio di Bellinzona e una delegazione delle FFS, guidata dal direttore della Divisione Immobili, Jürg Stöckli, hanno convenuto la necessità di una stretta collaborazione per i mesi a venire. Questo permetterà di assicurare parallelismo e coerenza tra gli studi e progetti in corso riguardanti le Officine, tutti in fase d'avanzamento, e di garantire massima trasparenza nella comunicazione dei risultati entro il secondo trimestre del 2013. Si vogliono così evitare sorprese e creare le basi per un ampio dialogo sugli indirizzi futuri. Di prima mattina, alle Officine, le FFS hanno inoltre inaugurato una nuova e moderna linea di produzione per la lavorazione delle sale montate.

La presenza e le attività delle FFS in Ticino hanno profonde radici storiche e costituiscono un perno della politica economica ed industriale del Cantone e della Città di Bellinzona. Con l’apertura delle gallerie di base del San Gottardo e del Monte Ceneri per il trasporto pubblico ticinese si aprirà una nuova era: Sono previsti investimenti complessivi di quasi due miliardi per il rinnovo delle più importanti stazioni del Cantone, l’inaugurazione della Ferrovia Mendrisio-Varese(-Malpensa), il raddoppio della flotta della società affiliata Tilo e il rinnovo integrale della flotta di Intercity a lunga percorrenza. Il Ticino sarà così molto più vicino ai poli economici della Lombardia e della Svizzera interna.

Durante l’incontro di questa mattina sono state trattate, in particolare, le tematiche riguardanti la nuova stazione di Bellinzona e le Officine.

Stazioni

Officine Bellinzona

Al fine di fissare gli indirizzi strategici delle FFS sul medio e lungo termine sono attualmente in corso diverse riflessioni e studi, sia da parte delle FFS stesse, che del Canton Ticino:

LAGO - Per esplorare il potenziale di mercato degli attuali tre settori delle Officine è stato sviluppato il progetto „LAGO“, volto ad analizzare in maniera dettagliata il contesto commerciale e le prospettive strategiche dei tre comparti. LAGO è il presupposto necessario per poter orientare strategicamente le Officine e pianificare i futuri investimenti. All’ora attuale, il quadro si presenta come segue, ma urge sottolineare che si tratta di un risultato intermedio e che le analisi, il cui esito è aperto, sono ancora in corso.

Settore Sale montate:

Settore Revisione delle locomotive:

Settore carri merci:

CENTRO DI COMPETENZE - Il Cantone si è fatto a sua volta promotore di un suo progetto per analizzare il futuro delle Officine di Bellinzona, incaricando un gruppo di lavoro di valutare la fattibilità e le eventuali modalità d’attuazione di un cosiddetto “Centro di Competenze” per la tecnica ferroviaria. Lo studio è stato condotto in stretta collaborazione sia con le FFS sia con varie altre aziende che già operano in questo ambito. Questo studio si inserisce nella strategia di politica economica e industriale del Cantone, volta a valorizzare le competenze e i potenziali presenti sul territorio. Le FFS non potranno, a causa dei limiti imposti dal mandato ricevuto dalla Confederazione, essere parte attiva nella costituzione del “Centro di Competenze” quale persona giuridica. Hanno però riaffermato di volere contribuire alla realizzazione di un tale “Centro di competenze” portando a Bellinzona progetti strategici e attività di ricerca e formazione - come potrebbe esserlo quella dei macchinisti oppure lo sviluppo e la manutenzione dei nuovi sistemi telematici di conduzione dei treni.

AREA – Attualmente una fetta importante del sedime delle Officine a Bellinzona è occupato dal settore carri merci. Nel caso in cui si dovesse effettivamente registrare una riduzione d’attività in questo settore, questo comporterà una liberazione di spazio il cui utilizzo andrà ridefinito. Con lo studio „AREA“ le FFS si sono prefissate di valutare le opportunità di una tale prospettiva e verificare se l’area in questione potrebbe ospitare, accanto alle attività tradizionali, nuovi interessanti sviluppi urbanistici. Urge sottolineare che non è in discussione né una vendita dei terreni a terzi, né una dislocazione delle altre attività delle Officine dalla loro ubicazione attuale. Le FFS sono coscienti del fatto che il terreno sul quale sorgono ora le Officine a suo tempo fu donato dal Comune di Bellinzona, (allora Daro). Anche per questo motivo ogni eventuale modifica d'impiego va discussa e concordata con molta attenzione, in particolare con le autorità comunali.

Prossimi passi

Più nell’immediato e concretamente, il Consiglio di Stato sarà informato in merito alle conclusioni preliminari del Gruppo di lavoro "Centro di competenze", in occasione di un incontro in agenda il 12 dicembre. Queste informazioni saranno anche condivise con gli altri studi in corso, per garantire un continuo flusso di informazioni. Il prossimo incontro a livello politico e di direzione tra Consiglio di Stato, Municipio di Bellinzona e FFS è invece stato fissato per il mese di gennaio.

Ulteriori contenuti