Padrinato alla Stazione FFS di Bellinzona: Lanciata la campagna di reclutamento.

Le FFS e la Città di Bellinzona lanciano in questi giorni la campagna di reclutamento destinata alle madrine ed ai padrini pronti a dare il loro apporto nell’attività di prevenzione presso la Stazione FFS di Bellinzona. L’iniziativa ha lo scopo di contribuire ad accrescere la sicurezza soggettiva dei viaggiatori e di prestare loro assistenza.

Il progetto di padrinato s’iscrive nella strategia di prevenzione delle FFS «Railfair»

Durante il servizio i volontari sono equipaggiati di cellulare, gilet, berretto, tessera, biglietti da visita. All’insegna del motto «sorvegliare invece di far finta di niente», le madrine e i padrini si adoperano per garantire un clima accogliente in stazione pattugliando in coppia e a turni l’area della stazione.

Al centro del loro agire vi è la sicurezza delle persone. Tuttavia i padrini di stazione sono anche a disposizione della popolazione con attività di sostegno quali: le informazioni generali sull’esercizio ferroviario, l’assistenza durante l’acquisto di biglietti ai distributori automatici o l’aiuto per caricare un passeggino su un treno. L’attività è di volontariato. È previsto un compenso in natura come ad esempio carte giornaliere, buoni RekaRail o d’acquisto.

Per il progetto «Railfair» di Bellinzona si cercano Madrine e Padrini. Le persone interessate possono rivolgersi direttamente al signor Vincenzo Crocetti (tel . 051 281 69 40, e-mail: vincenzo.crocetti@sbb.ch) o al signor Ivano Beltraminelli, comandante della polizia cittadina ivano.beltraminelli@bellinzona.ch.

Ulteriori contenuti