FFS Cargo potenzia ulteriormente il traffico intermodale in Svizzera.

FFS Cargo punta sulla crescita nel traffico intermodale e amplia progressivamente la propria offerta di mercato. In futuro, una rete di treni di linea e di impianti di trasbordo in tutta la Svizzera consentirà ai clienti di trasportare in modo efficiente container all'interno della Svizzera. In questo modo si possono abbinare i vantaggi della strada a quelli della rotaia.

Con l'ampliamento del traffico intermodale in Svizzera, FFS Cargo integra l'offerta attuale nel traffico a carri completi e in quello di transito. La tendenza che si riscontra in tutto il mondo a trasportare merci in container e la recessione della grande industria fanno prevedere una forte crescita nel traffico intermodale su strada, rotaia e nave. «I nostri clienti sono soprattutto autotrasportatori che puntano sempre di più sulla ferrovia per le lunghe e le medie distanze in Svizzera», spiega Nicolas Perrin, CEO di FFS Cargo. «La strada e la rotaia si avvicinano sempre di più, e noi siamo in grado di combinare i punti di forza di entrambi i vettori di trasporto. L'antica rivalità tra camion e ferrovia non è il futuro.»

Offerta innovativa ed efficiente

Appositi impianti presenti su tutto il territorio nazionale consentono il trasbordo veloce ed efficiente delle merci e quindi un rapido trasporto alla destinazione finale dei clienti. FFS Cargo gestisce già oggi otto terminali propri per il traffico merci intermodale. Quest'anno le FFS hanno investito in nuovi impianti di trasbordo a Rothenburg e Cadenazzo che sono stati equipaggiati con nuovi veicoli di trasbordo. In questo modo i container e le casse mobili possono essere trasbordati rapidamente e in modo efficiente dai camion ai carri ferroviari e viceversa.

Quantità in aumento anche in futuro

Ulteriori contenuti