RFI e FFS Infrastruttura consolidano la collaborazione nell'ambito dello sviluppo dell'asse del San Gottardo.

La Rete Ferroviaria Italiana (RFI) e FFS Infrastruttura rafforzano la collaborazione negli ambiti «European Train Control System» (ETCS), sviluppo della rete, orario e gestione dell'esercizio. Con la firma di due trattati di cooperazione, il capo di FFS Infrastruttura, Philippe Gauderon, e l'amministratore delegato di RFI, Michele Mario Elia, hanno concordato lo sviluppo della comprovata partnership tra i due gestori dell'infrastruttura ferroviaria.

Dal 2014, le FFS e RFI dovranno affrontare importanti sfide sull'asse del San Gottardo. Con l'apertura della galleria di base del San Gottardo tra l'Italia e la Svizzera si registrerà un costante aumento del numero dei treni nel traffico merci e in quello viaggiatori, i clienti si aspettano tempi di percorrenza più brevi tra Zurigo / Lucerna e Milano e, nel contempo, i treni dovranno circolare con puntualità e stabilità maggiori rispetto ad oggi. Le due imprese ferroviarie hanno quindi deciso di costituire dei gruppi di lavoro congiunti, che in stretta collaborazione avranno l’incarico di garantire l'interoperabilità tecnica e di esercizio, la capacità e un'elevata qualità. Dal 2014, il gruppo responsabile per l'«Orario» si occuperà di realizzare piani d'orario armonici e flessibili per il traffico merci e viaggiatori, con l'obiettivo di migliorare lo sfruttamento della rete e ridurre la durata di viaggio. Il gruppo «Sviluppo della rete» coordinerà i futuri progetti infrastrutturali, come il corridoio «quattro metri» o i prolungamenti dei marciapiedi. Il gruppo «Esercizio», da parte sua, assicurerà la gestione transfrontaliera dell'esercizio, migliorando il flusso di informazioni e conseguendo standard di puntualità.

Il secondo trattato di cooperazione sottoscritto, «ETCS», definisce i piani d'azione armonizzati per equipaggiare le linee transfrontaliere e le stazioni di confine con il sistema europeo di controllo dei treni denominato «European Train Control System». In questo modo le imprese ferroviarie potranno approfittare di sistemi uniformi e interoperabili nella sicurezza ferroviaria.

Ulteriori contenuti