Ben posizionati in un contesto difficile – indebitamento stabilizzato: Le FFS migliorano il risultato nonostante la stagna-zione della domanda.

Nonostante la difficile congiuntura economica, nel 2012 le FFS hanno registrato un buon risultato. Ogni giorno hanno trasportato in tutta sicurezza e puntualità 967 000 viaggiatori e 175 000 tonnellate di merci, offrendo le proprie prestazioni a oltre 5 milioni di clienti sulla rete ferroviaria più sollecitata al mondo e in stazioni molto frequentate. Il risultato d’esercizio è calato a causa della flessione della domanda di trasporto dei viaggiatori e dell’aumento dei prezzi delle tracce. Il ri-sultato consolidato è invece salito grazie ad effetti, attestandosi a CHF 422,5 mi-lioni (+83,8 milioni). E’ stato possibile abbassare l’indebitamento soggetto a inte-ressi, pur restando a livelli elevati. Il risultato consolidato positivo aiuterà a fron-teggiare il continuo e forte aumento degli oneri derivanti dai prezzi delle tracce e dell’energia.

Il 2012 è stato un anno caratterizzato da un debole andamento della congiuntura, dalla forza del franco svizzero, da una minore capacità del settore industriale e da una flessione della domanda nel settore turistico. Una situazione che per le FFS si è tradotta in una stagnazione della domanda. Le FFS hanno trasportato complessivamente 967 000 clienti al giorno, con una leggera flessione rispetto al 2011 (977 000). La lunghezza degli spostamenti è diminuita dell’1,2 percento rispetto all’esercizio precedente, il numero di viaggiatori-chilometro (vkm) percorsi che è sceso da 17 749 a 17 545 milioni. Un dato certamente riconducibile anche al fatto che nel 2012 non sono stati proposti ampliamenti significativi nell’offerta.

Il traffico regionale con diritto di indennità è aumentato ulteriormente attestandosi a 4620 milioni di vkm, con un incremento dell’1,6 percento. Diversa invece la situazione nel traffico nazionale a lunga percorrenza finanziato con mezzi propri, dove la prestazione di trasporto ha subito una contrazione del 2,1 percento scendendo a 12 925 milioni di vkm. Se da un lato il traffico legato al turismo e al tempo libero ha registrato un’importante contrazione, quello legato ai pendolari e ai viaggi d’affari è da parte sua ulteriormente aumentato, sebbene non con lo stesso slancio degli anni precedenti.

Il traffico viaggiatori internazionale è aumentato del 6 percento circa in termini di viaggiatori-chilometro, in particolare sulle tratte Zurigo–Parigi e nella regione «Rheinschiene» verso Francoforte e altre destinazioni in Germania.

FFS immobili ha beneficiato dell’elevata affluenza di viaggiatori e della conseguente domanda di beni immobiliari di prestigio, in posizioni centrali, ottimamente collegati ai mezzi di trasporto pubblici. Un ottimo esempio è il complesso immobiliare dell’Europaallee di Zurigo, di cui a settembre le FFS hanno festeggiato la conclusione della prima fase di costruzione.

La divisione Cargo è stata confrontata con la debolezza congiunturale europea e con la diminuzione delle capacità industriali in Svizzera, in particolare nei settori cartaceo e metallurgico. Ad aggravare la situazione hanno inoltre contribuito le tre interruzioni della linea del San Gottardo, a causa delle diverse frane nei pressi di Gurtnellen. Ciò ha provocato un disavanzo di esercizio nel traffico merci. Nel 2012, la prestazione di trasporto di FFS Cargo si è attestata a 12 132 milioni di tonnellate-chilometro nette, con un meno 1,7 percento rispetto all’anno precedente. Le FFS hanno affrontato queste sfide orientando coerentemente l’offerta nel traffico merci sui punti di forza della ferrovia.

Anche nel 2012 la rete di FFS Infrastruttura è stata molto sollecitata. Il numero di tracce-chilometro percorse è leggermente aumentato, più 0,3 percento, raggiungendo così quota 165,6 milioni. FFS Infrastruttura ha intensificato la manutenzione della rete ferroviaria. Come previsto, la necessità di rinnovo si è stabilizzata attestandosi a CHF 1,815 mia (+35 milioni). Nell’anno in esame sono stati rinnovati in tutto 160 chilometri di ferrovia (2011: 150 chilometri), incrementando la produttività grazie a intervalli di manutenzione fissi più prolungati. Le FFS hanno inoltre installato il primo degli 11 000 dispositivi di sicurezza del sistema internazionale di controllo «European Train Control System ETCS Limited Supervision».

Leggero miglioramento della capacità di rendimento

Questo positivo risultato consolidato aiuta le FFS a far fronte al progressivo aumento degli oneri finanziari. Nel 2013 e negli anni seguenti i prezzi delle tracce continueranno ad aumentare, con un incremento dei costi per le FFS di circa CHF 250 milioni. A questi si sommano i maggiori costi di produzione per l’energia rinnovabile e i crescenti interessi passivi. Gli aumenti dei prezzi delle tracce sono indispensabili per far fronte alla necessità di rinnovo e alla più intensa attività di manutenzione dell’infrastruttura ferroviaria.

Investimenti a favore della clientela

Dopo il finanziamento da parte dei poteri pubblici, il free cash flow ammontava a CHF 905,8 milioni (2011: CHF –5,2 milioni). I motivi vanno ricercati in primo luogo nella vendita di immobilizzazioni finanziarie e immobili, come anche in una migliore gestione della liquidità. Anche i ritardi nelle consegne di materiale rotabile e il rallentamento di alcuni progetti di FFS Immobili hanno contribuito ad alleggerire temporaneamente la situazione. Il miglioramento del free cash flow ha permesso di ridurre l’indebitamento netto soggetto a interessi, con CHF 6841,9 milioni (2011: CHF 7494,4 milioni), che si è comunque mantenuto su livelli elevati.

Potenziamenti a favore della sicurezza dei passeggeri

Sempre più pressante per le FFS è il tema della tutela dei viaggiatori e dei collaboratori nei confronti delle aggressioni. Gli atti di violenza sono in costante aumento e non si fermano di certo davanti alle porte dei treni e delle stazioni. Per far fronte a questa situazione, su tutti i treni a lunga percorrenza le FFS hanno introdotto la scorta di due agenti del treno. Ben equipaggiata, la Polizia dei trasporti garantisce una presenza visibile nelle stazioni e nei treni. Inoltre sono state potenziate le misure di prevenzione.

Sul fronte della puntualità dei treni, nel 2012 la percentuale delle coincidenze garantite è aumentata ulteriormente, passando dal 97,7 al 98,3 percento. La puntualità dei clienti – la parte di viaggiatori che è arrivata destinazione puntualmente o con un ritardo inferiore ai tre minuti – non ha eguagliato il record assoluto dell’89,8 percento ottenuto nel 2011, scendendo leggermente all’88 percento.

Nel 2012, le FFS hanno ulteriormente rafforzato i loro sforzi nel risparmio energetico e nella protezione del clima. Gli effetti delle misure per il risparmio energetico sono passate da 145 GWh a 183 GWh l’anno. Questo miglioramento corrisponde al consumo annuale di 9 500 economie domestiche. Grazie all’ottima disponibilità idrica, nel 2012, l’83,5 per cento della corrente di trazione è stata prodotta dalle centrali idroelettriche. Rispetto al 2009, è stato possibile diminuire di 12 000 tonnellate le emissioni di CO2, che corrispondono alle emissioni annuali di 1800 economie domestiche. Le FFS sono inoltre molto attente nel mantenimento della biodiversità durante la manutenzione delle scarpate e delle foreste.

Ulteriore ampliamento dell’offerta entro il 2016

Inoltre, le FFS porteranno a termine diversi grandi progetti immobiliari, come l’Europaallee di Zurigo, il Südpark di Basilea, La Praille o il rinnovo della stazione centrale di Ginevra. Nel 2014, il traffico regionale e nazionale beneficerà dell’entrata in servizio della prima sezione del passante di Zurigo, mentre in Ticino verrà inaugurato il collegamento tra Mendrisio (Ticino) e Varese (Lombardia). Nel 2017 seguirà il collegamento transfrontaliero tra Ginevra e Annemasse (CEVA).

La messa in esercizio della galleria di base del San Gottardo concentrerà sulla Svizzera gli sguardi del mondo intero. L’inaugurazione del traforo sarà una vera e propria pietra miliare nel nostro cammino verso il futuro. La galleria di base del San Gottardo accorcerà le distanze tra il nord e il sud della Svizzera e consentirà di trasferire parte del traffico merci dalla strada alla ferrovia. A livello internazionale, questo evento sarà un’opportunità unica per la Svizzera per presentare i propri trasporti pubblici come l’incarnazione dei valori tipicamente elvetici di affidabilità e di innovazione.

Il Gruppo FFS in cifre

Conto economico (in mio di CHF)


2012 2011 Differenza (percentuale)

Ricavo d’esercizio

8168,5 8021,7 1,8
Spese d’esercizio
–7677,7 –7492,1 –2,5
Risultato d’esercizio/EBIT
490,9 529,7 –7,3

Risultato finanziario

–121,8 –250,1 51,3
Risultato estraneo all’esercizio
65,3 66,9 –2,4
Risultato al lordo delle imposte
434,4 346,5 25,4
Imposte e quote di minoranza
–11,9 –7,7 –53,9
Risultato consolidato
422,5 338,7
24,7

Risultati dei segmenti (in mio di CHF)

2012 2011
Traffico viaggiatori
268,9
213,9

Traffico merci

–51,2
–45,9
Infrastruttura
37,1 72,4

Immobili*

192,4 182,5

* prima dei pagamenti compensativi

Quantità e prestazioni

2012 2011 Differenza (percentuale)
Traffico viaggiatori
Persone trasportate (al giorno)
Viaggiatori-chilometro (in mio)

967 000
17 545

977 000
17 749

–1,0
–1,2
Traffico merci
Tonnellate-chilometro nette (in mio)

12 132

12 346

–1,7
Infrastruttura
Tracce-chilometro (in mio)

165,6

165,1

0,3

Ulteriori contenuti