Inaugurato il nuovo marciapiede con lift.

Un nuovo marciapiede più lungo, rialzato e accessibile dal sottopasso con un lift. A ciò si aggiungono una scala di accesso più larga, nuovi monitor informativi, altoparlanti più potenti e una nuova pensilina. La rinnovata infrastruttura, destinata alla clientela dei treni TILO, è stata inaugurata oggi dai rappresentanti di FFS e del Municipio di Bellinzona.

Il nuovo marciapiede numero tre per i treni regionali TILO alla Stazione FFS di Bellinzona è stato presentato questa mattina ai media. Esso rappresenta la prima tappa tangibile del «Programma di sviluppo futuro dell'infrastruttura ferroviaria» (SIF) a Bellinzona, uno dei tasselli chiave per lo sviluppo dell’offerta sull’asse del San Gottardo e in Ticino con l’apertura delle Gallerie di base del San Gottardo (2016) e del Monte Ceneri (2020).

Marciapiede privo di barriere architettoniche per la clientela del traffico regionale
Il marciapiede numero tre, destinato alla clientela di TILO, dispone ora di un’infrastruttura moderna e priva di barriere architettoniche. In particolare è possibile accedere ai treni dal sottopasso con il nuovo lift e sui convogli TILO senza ostacoli grazie alla maggiore altezza del marciapiede. Ciò rappresenta un grande vantaggio per le persone diversamene abili e per le famiglie con passeggini. Anche la scala d’accesso è stata allargata di 75 cm per permettere un migliore flusso della clientela. Il marciapiede è stato infine allungato a 420 metri ed è ora in grado di accogliere convogli regionali più capienti (due treni Flirt a sei vetture). Nuovi anche gli arredi: i monitor, gli altoparlanti, l’illuminazione e la pensilina.

Le prossime tappe
Le prossime tappe del progetto SIF Bellinzona contemplano il rinnovo completo degli altri marciapiedi d’accesso ai treni (numero uno e centrale). Gli interventi al marciapiede numero uno lato nord prenderanno avvio a inizio gennaio per concludersi a maggio 2016. La clientela sarà informata con un’apposita segnaletica e con annunci agli altoparlanti. L’apertura del cantiere sul marciapiede centrale lato nord è invece programmato per maggio 2016; esso si concluderà nel dicembre dello stesso anno. Analogamente al marciapiede numero tre, gli interventi al marciapiede centrale contemplano l’estensione dello stesso a 420 m, per permettere la fermata dei treni a lunga percorrenza più capienti, pianificati sull’asse Nord-Sud dall’apertura della Galleria di base del San Gottardo.

La clientela ferroviaria al centro del progetto SIF
Il «Programma di sviluppo futuro dell'infrastruttura ferroviaria» (SIF) a Bellinzona rappresenta uno dei tasselli chiave per lo sviluppo dell’offerta in Ticino e sull’asse del San Gottardo. Il progetto include due livelli paralleli di intervento: gli interventi di tecnica ferroviaria, che permettono di accrescere la capacità di transito dei convogli, e quelli destinati a facilitare e migliorare l’accesso ai treni per la clientela.
I primi – gli interventi di tecnica ferroviaria – contemplano l’istallazione di nuovi scambi e segnali a nord e sud della stazione per garantire entrate e uscite parallele dei treni sui binari 2 e 3 e aumentare così la capacità del nodo di Bellinzona. In questo modo sarà possibile ridurre i tempi di successione dei convogli ed evitare che il nodo di Bellinzona si trasformi in un imbuto con conseguenze sulla stabilità dell’orario da fine 2016 in poi.
I secondi – gli interventi destinati ai viaggiatori e al loro comfort – contemplano l’ammodernamento e il potenziamento degli accessi ai treni grazie a nuovi marciapiedi (più lunghi e più alti) e nuovi arredi.
Gli investimenti complessivi ammontano a circa 76 milioni di CHF.
I lavori, iniziati la scorsa primavera, dovrebbero concludersi nell’autunno 2018.

Ulteriori contenuti