Catering ferroviario: Le FFS rivedono il proprio concetto di catering ferroviario.

Le FFS adeguano il servizio di catering ferroviario alle mutate esigenze della clientela. La rapida crescita dell’offerta di ristorazione nelle stazioni va di pari passo con un calo delle vendite nel catering ferroviario, in particolare per il minibar. Le FFS hanno quindi deciso di rivedere il proprio concetto gastronomico. Da fine 2017 il minibar sarà sostituito da un adeguato servizio al posto in aree della 1ª classe e da un ampliamento dell’offerta self-service. Inoltre, le FFS porteranno il numero di carrozze ristorante dalle attuali 90 circa a oltre 120. L’attività di catering in stazione verrà invece abbandonata e per metà 2016 sarà interrotta la cooperazione con Segafredo.

Negli ultimi anni le esigenze della clientela e le abitudini alimentari in viaggio hanno subito una costante trasformazione. In particolare, è stato registrato un netto calo della domanda ai minibar. Negli ultimi anni, il minibar ha registrato un calo di circa il 40 per cento. Alla luce di ciò, le FFS hanno deciso di modificare la propria strategia di catering: il servizio al posto in aree della 1ª classe e l’offerta take-away saranno ampliati e da fine 2017 sostituiranno il minibar a tappe. Il nuovo concetto sarà testato a partire dalla seconda metà del 2016.

Con l’acquisto del nuovo materiale rotabile, ossia dei treni bipiano per il traffico a lunga percorrenza ed i «Giruno», il numero delle carrozze ristorante passerà dalle attuali 90 circa a oltre 120 nel 2021 e nel complesso l’offerta gastronomica sarà nettamente ampliata. In questo modo tutte le linee InterCity ed EuroCity saranno equi-paggiate secondo il nuovo concetto gastronomico e i clienti potranno usufruire di un’offerta molto più affidabile e uniforme. Data l’esigua domanda, sulle linee InterRegio non sarà più disponibile alcuna offerta gastronomica.

Abbandono del settore d’attività di ristorazione per il viaggio in stazione

In futuro le FFS si dedicheranno esclusivamente alla gastronomia sui treni. Abban-donano quindi il settore d’attività della ristorazione per il viaggio in stazione. Le su-perfici attualmente occupate dai chioschi Segafredo e gestiti dalla consorella SBB Elvetino come partner in franchising verranno date in affitto a nuovi locatari a metà 2016. Per i dipendenti interessati verrà elaborato un piano sociale sostenibile.

Ulteriori contenuti