Firmata la «Prospettiva generale Ticino»: Il Ticino e le FFS rafforzano la cooperazione.

Il Governo ticinese, rappresentato dai Consiglieri di Stato Claudio Zali e Christian Vitta, e una delegazione della Direzione delle FFS con alla testa il CEO Andreas Meyer, hanno firmato oggi al Castelgrande di Bellinzona la «Prospettiva generale Ticino». Il programma di lavoro fissa obiettivi comuni per concretizzare progetti a favore della clientela per quanto attiene le offerte di mobilità, per l’adeguamento delle infrastrutture e per la valorizzazione delle aree delle stazioni. Si tratta di rendere il sistema di trasporto pubblico ancora più attrattivo, facilmente accessibile, e permetterne lo sviluppo coordinato negli orizzonti temporali 2020 e oltre.

Il Governo del Canton Ticino e la Direzione delle FFS, dopo un intenso lavoro, hanno firmato oggi al Castelgrande di Bellinzona la «Prospettiva generale Ticino». La galleria di base del San Gottardo e quella del Monte Ceneri aprono nuovi e promettenti scenari per la Svizzera e in particolare per il Ticino.

L’obiettivo delle FFS è di utilizzare al meglio la nuova infrastruttura ferroviaria. In sinergia con i partner italiani esse si impegnano a migliorare la puntualità sull’asse nord-sud. Le FFS devono risparmiare per restare competitive in un mercato caratterizzato da un’accresciuta concorrenza, ma intendono pure investire nel futuro in modo mirato e sostenibile.

Con la «Prospettiva generale Ticino» le FFS e il Cantone Ticino intendono sfruttare questa opportunità e pianificare insieme la mobilità del futuro. Il programma di lavoro multidisciplinare stabilisce obiettivi di sviluppo, progetti e condizioni quadro per una più intensa collaborazione.

Investimenti per oltre 2 miliardi di franchi in favore della clientela

Con la «Prospettiva generale Ticino» le FFS e il Cantone Ticino intendono sviluppare l'offerta per i clienti del traffico viaggiatori e merci, adeguando l'infrastruttura ferroviaria necessaria e sviluppando le aree delle stazioni per gli orizzonti temporali 2020 e oltre. In questo contesto le FFS investono nel Cantone oltre 2 miliardi di franchi entro il 2030 in nuove stazioni, ampliamenti infrastrutturali e nuovi treni per rispondere al meglio agli sviluppi futuri e ai bisogni della clientela, cogliendo pure le opportunità offerte dalla digitalizzazione e dalle nuove tecnologie. Al centro degli sforzi comuni vi è la volontà di accrescere l’attrattiva e la sostenibilità finanziaria delle prestazioni del trasporto pubblico per la  clientela e la committenza dei servizi.

Con la «Prospettiva generale Ticino» le FFS e il Cantone coopereranno per sfruttare al meglio le opportunità economiche e territoriali in grado di rafforzare la  crescita del Ticino. Grazie a una programmazione concordata dei bisogni potrà ad esempio essere possibile valorizzare le aree ferroviarie situate presso le stazioni di Lugano, Locarno-Muralto e Chiasso.

Per le Officine di Bellinzona, le FFS valuteranno insieme al Cantone ed ai partner sociali le future prospettive di sviluppo.

I progressi conseguiti in tutti gli ambiti della «Prospettiva generale Ticino» saranno esaminati a scadenza annuale tra i partner  firmatari.

«Prospettive generali regionali»

Le FFS elaborano a livello svizzero le «Prospettive generali» con i Cantoni. Ciò è avvenuto nel 2013 nella Svizzera nordoccidentale e nel 2016 nella Svizzera centrale, in Vallese e Berna. La «Prospettiva generale» è un programma di lavoro. Essa fornisce un quadro generale dello sviluppo futuro delle offerte di mobilità, delle infrastrutture e delle aree delle stazioni. L’intento è di valorizzare il sistema di trasporto pubblico per renderlo più accessibile e semplice, e permetterne lo sviluppo coordinato negli orizzonti temporali 2020 e oltre. Con la «Prospettiva generale» viene meglio coordinata la collaborazione tra le FFS e i Cantoni. Grazie alla definizione di obiettivi comuni vengono promosse soluzioni all’avanguardia nell’interesse della clientela, dei Cantoni e delle FFS.

Ulteriori contenuti