Maggiori e migliori offerte ferroviarie transfrontaliere tra Milano e Francoforte.

I CEO di FFS, DB ed FS si sono accordati per introdurre un nuovo collegamento: da dicembre 2017 tra Francoforte e Milano, passando per la Svizzera, circoleranno treni del tipo ETR 610 delle FFS . In generale, l’offerta ferroviaria transfrontaliera diventerà più puntuale e offrirà migliori coincidenze. Allo stesso vertice dei CEO di Lugano gli amministratori delegati di tutte le aziende ferroviarie europee hanno confermato, con una dichiarazione congiunta, di voler affrontare insieme le sfide della mobilità del futuro. Nella corsa con altri vettori di trasporto, la ferrovia si posizionerà al meglio nella catena della mobilità grazie alle nuove tecnologie e alla digitalizzazione. Per il traffico merci, la galleria di base del San Gottardo crea nuovi vantaggi per il traffico ferroviario. I CEO hanno discusso sulle differenti possibilità di sfruttare al meglio gli effetti del tunnel di base sull’asse di transito delle merci Rotterdam-Genova con una pianificazione delle tracce transfrontaliere e una riservazione della tracce internazionali sul modello del San Gottardo.

Oggi, alla vigilia dell’apertura della galleria di base del San Gottardo, gli amministratori delegati delle ferrovie europee si sono dati appuntamento a Lugano. Al centro del vertice annuale dei CEO, le sfide per la mobilità del futuro, che le società ferroviarie sono intenzionate ad affrontare insieme unendo maggiormente le forze. Le esigenze dei clienti e le loro abitudini di mobilità sono in rapida trasformazione, un cambiamento, questo, in parte riconducibile ai veloci sviluppi tecnologici. La concorrenza tra i diversi sistemi di trasporto, che cercano di farsi spazio nella catena della mobilità, si sta intensificando.

Concentrarsi sui propri punti di forza
Le ferrovie europee vogliono affrontare insieme queste sfide e migliorare la collaborazione nel traffico transfrontaliero. A tal fine gli amministratori delegati delle ferrovie hanno siglato una dichiarazione contenente un piano d’azione con numerose misure. Le società ferroviarie europee mirano a offrire e integrare soluzioni di mobilità sostenibili ed ecologicamente compatibili lungo l’intera catena di viaggio, porta a porta. Per riuscirci, fanno leva innanzitutto sul loro principale punto di forza: il treno consente di condurre a destinazione un numero elevato di passeggeri e di merci lungo tratte lunghe in modo affidabile, sicuro e puntuale. Le grandi stazioni devono fungere da attrattivi centri nevralgici e creare collegamenti con altri mezzi di trasporto e altri promotori.

Le coincidenze intraeuropee vanno complessivamente migliorate. Le ferrovie puntano a promuovere ulteriormente la digitalizzazione e ad armonizzare i sistemi di ticketing. I clienti devono poter confidare nel fatto che i loro dati saranno sempre protetti e utilizzati per migliorare le offerte solo previo consenso. Per quanto riguarda i dati tecnici, invece, le ferrovie premono per uno scambio aperto e una standardizzazione, per semplificare le procedure e ridurre i costi. Mentre altri sistemi di trasporto non condividono i propri dati, con questa scelta le ferrovie agevolano l’innovazione.

Appello al mondo politico
Le ferrovie chiedono regole uguali per tutti nella concorrenza intermodale. Gli autobus a lunga percorrenza sono solo i precursori di altri nuovi vettori di mobilità. Le ferrovie europee sono coscienti di avere il futuro nelle proprie mani ma le condizioni quadro vanno migliorate. Pertanto, i CEO chiedono al mondo politico di prendersi le proprie responsabilità. Occorre garantire il finanziamento stabile a lungo termine della manutenzione e dell’ampliamento dell’infrastruttura ferroviaria. Per un’efficace digitalizzazione, vanno creati i presupposti volti a garantire un trattamento dei dati che tenga conto sia delle esigenze delle ferrovie che di quelle dei clienti. Le ferrovie, in quanto aziende parastatali non devono essere maggiormente limitate rispetto alle aziende tecnologiche, come per esempio Google.

Utilizzo efficiente della nuova ferrovia di pianura per il traffico merci
Per il traffico merci l’apertura della galleria di base del San Gottardo segna un punto di svolta epocale. Secondo gli accordi tra la Svizzera, l’Italia e la Germania nei prossimi anni saranno realizzate le linee di accesso. Dal 2020 attraverso la nuova linea di pianura potranno essere sfruttate in pieno la lunghezza dei treni fino a 750 metri e il corridoio 4 metri. I CEO di DB, FS e FFS hanno concordato che per un utilizzo efficiente e puntuale, le tracce orarie dovranno essere pianificate e ottimizzate in modo transfrontaliero.

Nuovo collegamento ferroviario Francoforte – Svizzera – Milano

Da dicembre 2017 è prevista l’introduzione di una nuova offerta ferroviaria sull’asse nord-sud: un collegamento diretto giornaliero Francoforte–Milano attraverso la Svizzera utilizzando treni FFS del tipo ETR 610 che recentemente hanno ottenuto l’autorizzazione a circolare anche in Germania. A margine del vertice di Lugano, i CEO delle FFS, Andreas Meyer, della Deutsche Bahn, Rüdiger Grube, e di Ferrovie dello Stato italiane, Renato Mazzoncini, hanno firmato una dichiarazione di intenti. Si inizierà con una una coppia di treni al giorno fino al 2020. In direzione nord-sud i treni circoleranno attraverso l’asse del San Gottardo, in direzione sud-nord attraverso il Lötschberg. In questo modo ci saranno nuovi collegamenti diretti dal Ticino e da Lucerna verso la Germania e dalla Germania al Vallese, con l’obiettivo di creare nuove opportunità di business a vocazione turistica. Nell’attesa dell’introduzione definitiva dell’offerta trinazionale, le ferrovie stanno studiando la possibilità di introdurre altre nuove offerte e diverso materiale rotabile dal 2020. A quel punto sarà messa in servizio anche la galleria di base del Monte Ceneri che ridurrà di un’altra mezz’ora i tempi di viaggio sull’asse del San Gottardo.

Con questa offerta trinazionale, le ferrovie sottolineano le loro ambizioni sul piano internazionale nella logica del integrazione dell’offerta di trasporto, nonché l’importanza della cooperazione a fronte della crescente concorrenza da parte di compagnie aeree low-cost e autobus a lunga percorrenza. Gli indiscussi punti di forza della ferrovia vanno sfruttati anche oltre i confini nazionali.

I CEO delle FFS, della DB e delle FS nei loro colloqui hanno dato rilievo anche alle misure per il miglioramento delle performance degli attuali collegamenti. Ai clienti del traffico viaggiatori e merci possono essere offerti servizi migliori anche grazie agli ampliamenti infrastrutturali previsti. La galleria di base del Monte Ceneri e il corridoio di quattro metri creano i presupposti per la nascita, da fine 2020, di una ferrovia di pianura efficiente per il traffico merci. La tratta tra Mannheim e Basilea sarà ampliata a tappe nei prossimi anni. In Italia nei prossimi anni saranno ampliate diverse tratte e nell’area di Milano è prevista la realizzazione di tre nuovi terminali di carico per il traffico merci.

Alla pagina Internet Il link si apre in una nuova finestra.www.ffs.ch/mediacornerIl link si apre in una nuova finestra. sono disponibili foto.

Ulteriori contenuti