Servizio regionale sulla tratta italiana Iselle–Domodossola: Le FFS e RegionAlps non presentano alcuna offerta.

Le FFS e l’affiliata vallesana, RegionAlps, non hanno risposto alla gara d’appalto indetta dalla Regione Piemonte per il servizio regionale Iselle–Domodossola. Entrambe ritengono che l’ammontare delle indennità proposto dal committente italiano, pari a 366 000 euro l’anno, sia insufficiente per migliorare l’offerta regionale attraverso la galleria del Sempione. La circolazione quotidiana degli otto treni regionali delle FFS tra Domodossola, Iselle e Briga non sarà tuttavia interrotta fino al trasferimento del mandato a un nuovo operatore.

Il termine per partecipare alla gara d’appalto indetta dalla Regione Piemonte per il servizio sulla tratta Iselle–Domodossola è scaduto ieri, mercoledì 27 luglio. Le FFS e RegionAlps hanno comunicato al committente italiano che non intendono più candidarsi per il servizio sul suddetto collegamento regionale. In seguito a un’approfondita analisi dell’importo delle indennità, infatti, ritengono che i 366 000 euro proposti dalla Regione Piemonte siano insufficienti per poter migliorare l’offerta nell’ottica auspicata dai clienti, i quali desiderano collegamenti regionali diretti da Domodossola verso Visp, Sierre e Sion.

Le FFS e RegionAlps hanno quindi deciso di non partecipare alla gara d’appalto della Regione Piemonte, non intendendo impegnarsi nella fornitura di prestazioni che non sarebbero coperte dalle indennità del committente italiano e che richiederebbero un finanziamento supplementare da effettuare attingendo al denaro pubblico svizzero. Nell’ambito del contratto attualmente in vigore, le FFS costatano inoltre che la Regione Piemonte non ha provveduto al versamento delle indennità concordate per gli anni 2015 e 2016.

Le FFS e RegionAlps restano fermamente convinte che il proprio concetto di offerta regionale, con collegamenti diretti tra Domodossola, Briga e Sion, sia la soluzione ottimale per soddisfare le esigenze del traffico pendolare e turistico con l’Italia. Le due imprese ferroviarie hanno più volte avuto la possibilità di presentare la propria offerta transfrontaliera, in particolare il 16 luglio scorso a Domodossola, durante la cerimonia d’inaugurazione di una composizione Domino. Le FFS e RegionAlps informeranno la Regione Piemonte sui motivi di questa decisione e spiegheranno le possibili alternative per il traffico regionale transfrontaliero.

Al momento le FFS continueranno ad offrire ogni giorno otto collegamenti regionali tra Briga–Iselle–Domodossola, fino al trasferimento del mandato al nuovo operatore, verosimilmente a dicembre 2016.

Per quanto riguarda il traffico nazionale e internazionale, l’offerta resta invariata con collegamenti diretti e veloci: fino a 12 treni Eurocity, Intercity e InterRegio transitano ogni giorno sulla frontiera. Ogni anno più di due milioni di viaggiatori attraversano la galleria del Sempione, disponendo di eccellenti coincidenze rese possibili grazie alle partnership con le imprese di trasporto regionali. Le FFS propongono offerte molto vantaggiose grazie ai biglietti risparmio acquistabili su www.ffs.chIl link si apre in una nuova finestra.. Il viaggio da Berna a Domodossola, ad esempio, costa solo 15,60 franchi con un metà-prezzo.

Ulteriori contenuti