Il traffico lungo la galleria di base del San Gottardo è stabile.

La galleria di base del San Gottardo, con i suoi 57 chilometri di lunghezza, è in esercizio secondo orario da 57 giorni. In questo lasso di tempo il tunnel ferroviario più lungo al mondo è stato attraversato da 2816 treni viaggiatori e 3980 treni merci. Nel traffico InterCity ed EuroCity la domanda è aumentata del 30 percento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. L’esercizio procede perlopiù senza problemi. Rispetto a inizio dicembre, la puntualità sull’asse del San Gottardo è migliorata e si riescono a conseguire le riduzioni dei tempi di percorrenza previste, sia nel traffico viaggiatori che in quello merci. Ciononostante, sul fronte della puntualità c’è ancora da lavorare. L’attenzione è concentrata sui ritardi dei treni provenienti dall’Italia e sulla disponibilità del materiale rotabile.

La messa in servizio della galleria di base del San Gottardo (GbG) si è conclusa con successo. Dopo l’intensa fase di test, anche l’esercizio ordinario sta confermando il buon funzionamento degli impianti e delle installazioni tecniche. Nel complesso, la circolazione secondo l’orario nazionale è stabile e sull’asse nord-sud del San Gottardo si riescono effettivamente a garantire risparmi di tempo dell’ordine di 30 minuti circa. Rispetto a inizio dicembre, la puntualità dei clienti nel traffico viaggiatori al San Gottardo è migliorata, passando dal 79,6 all’ 86,8 percento. A segnare un miglioramento è pure la puntualità di coincidenza ad Arth-Goldau, che dal 94,4 percento è salita al 97,1 percento. Anche sulla linea panoramica del San Gottardo l’esercizio è stabile, con una puntualità pari quasi al 100 percento. Come previsto, dopo la messa in servizio della GbG l’affluenza è diminuita notevolmente raggiungendo valori bassi anche per ragioni di carattere stagionale. Al momento la media giornaliera tra Göschenen e Airolo è inferiore a 500 persone. Durante i fine settimana e nei giorni festivi da aprile a ottobre, sulla linea panoramica del San Gottardo sarà in servizio un treno supplementare che collegherà Zurigo e Bellinzona; in questo stesso periodo circolerà anche il nuovo «Gotthard Panorama Express». Questo viaggio, disponibile in entrambe le direzioni, conduce da Lucerna a Flüelen in battello, per poi proseguire fino in Ticino lungo la linea panoramica del San Gottardo.

Nel traffico con l’Italia la situazione resta difficile. I treni EuroCity in provenienza da Milano arrivano spesso in ritardo a Chiasso e partono da lì con un ritardo medio di otto minuti. Nella maggior parte dei casi, grazie alle riserve di tempo previste, il ritardo riesce a essere recuperato prima di arrivare ad Arth-Goldau. Dal cambiamento d’orario dell’11 dicembre 2016, ci sono stati un totale di 43 treni soppressi, perlopiù a causa di guasti ai veicoli. È stato tuttavia possibile contenere le ripercussioni sul traffico nazionale grazie al treno sostitutivo stazionato in Ticino proprio a questo scopo.

Durante le festività, l’asse del San Gottardo ha registrato una domanda elevata, con dati soddisfacenti: in media la GbG è stata attraversata da circa 8800 persone al giorno, circa il 30 percento in più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. In alcuni casi, durante le festività ci sono state difficoltà per mancanza di posti a sedere. I problemi riscontrati sono stati in parte dovuti all’insufficienza di treni disponibili e all’impossibilità di offrire treni supplementari a causa di limitazioni legate agli impianti. In singoli episodi è stato necessario indirizzare i viaggiatori sui treni successivi oppure fare delle deviazioni lungo la linea panoramica del San Gottardo.

Le FFS si stanno adoperando per risolvere queste problematiche in previsione dei prossimi picchi di affluenza. Per Pasqua si prevedono ingenti flussi di passeggeri soprattutto nel traffico EC Zurigo–Milano. Ai viaggiatori viene pertanto consigliato di munirsi di prenotazione anche per i viaggi a destinazione del Ticino (le prenotazioni per il traffico nazionale possono essere effettuate agli sportelli ferroviari o chiamando il Rail Service allo 0900 300 300). Alla luce di quanto osservato nelle prime settimane di esercizio, l’offerta potrà essere ulteriormente migliorata. Nelle stazioni di Bellinzona e Arth-Goldau continuerà a essere in servizio personale supplementare, allo scopo di informare i clienti e favorire la fluidità dell’esercizio.

Traffico merci regolare.

L’11 dicembre 2016 hanno attraversato la galleria di base del San Gottardo anche i primi treni merci dell’esercizio ordinario. In contemporanea, FFS Cargo ha lanciato «TCC 2017», una nuova offerta nazionale per il traffico a carri completi che introduce un orario cadenzato anche nel trasporto delle merci. FFS Cargo si adegua così alla crescente velocità della logistica e in determinate sedi effettua ritiri e consegne non più una sola volta, bensì fino a tre volte al giorno. Vista la stagione, nel traffico merci sull’asse del San Gottardo non sono ancora sfruttate tutte le tracce disponibili. Tra l’altro, la logistica dei trasporti del settore delle costruzioni aumenterà durante le stagioni con clima più caldo. Finora hanno attraversato la GbG una media di 100 treni al giorno. I carichi quotidiani trasportati sono stati pari a circa 41 000 tonnellate, il che equivale a 3600 corse in camion in meno. Anche i clienti di FFS Cargo beneficiano della nuova GbG: PostLogistics, ad esempio, grazie ai circa 30 minuti di viaggio risparmiati può caricare più tardi i treni postali che dal centro pacchi di Härkingen (SO) partono per il Ticino e ricorrere così alla ferrovia per i trasporti finora effettuati di notte in camion. Il traffico merci raggiungerà la sua piena capacità a fine 2020 con la messa in servizio della galleria di base del Ceneri e del corridoio di 4 metri: a quel punto ogni giorno e in ogni direzione potranno circolare fino a 260 treni merci da 750 metri.

Sostanzialmente, l’esercizio del traffico merci procede secondo i piani e senza ritardi sistematici. Capita ancora che guasti puntuali ai veicoli motore di diverse imprese ferroviarie e allarmi degli impianti di controllo dei treni causino restrizioni d’esercizio. Le cause vengono analizzate di volta in volta e vengono sempre presi debiti provvedimenti correttivi. Gli orari di transito previsti sono rispettati e nella maggior parte dei casi gli eventuali ritardi all’accesso riescono a essere ridotti o annullati durante il transito attraverso la galleria di base del San Gottardo. I treni merci percorrono la linea panoramica del San Gottardo ormai solo sporadicamente. Questo riguarda più che altro la notte da lunedì a martedì, poiché è il momento in cui vengono effettuati lavori di manutenzione e la circolazione è limitata a una sola canna della galleria.

Le FFS rinnovano l’asse nord-sud del San Gottardo.

La nuova galleria del San Gottardo simboleggia la precisione, la capacità innovativa e l’affidabilità della Svizzera. La messa in servizio della nuova galleria del San Gottardo, l’11 dicembre 2016, è stata la tappa principale del rinnovamento dell’asse nord-sud del San Gottardo. Fino alla messa in servizio della galleria di base del Ceneri (fine 2020) e del corridoio di 4 metri (fine 2020) sulle linee d’accesso alle due gallerie di base, tra Basilea e Chiasso, verranno realizzati circa 25 progetti di costruzione. Grazie a numerosi provvedimenti riguardanti il materiale rotabile, i cantieri e l’esercizio, le FFS faranno in modo di contenere al massimo l’impatto dei progetti edilizi sui clienti fino alla loro conclusione.

Ulteriori contenuti