Economia circolare.

Le FFS intendono svolgere un ruolo pionieristico all’interno dell’economia circolare e promuovere così la trasformazione della Svizzera in una società ed economia sostenibile.

I beni prodotti in tutto il mondo sono in gran parte realizzati con materie prime non rinnovabili e dopo il singolo uso vengono smaltiti in discarica o inceneriti. In questo modo i materiali non possono più essere utilizzati. L’economia circolare, invece, prende ispirazione dalla natura in cui tutto è riutilizzato e punta a mantenere in circolo i prodotti il più a lungo possibile così da ridurre i rifiuti e le emissioni nocive. In quest’ottica, l’economia circolare va ben oltre il semplice riciclaggio: si tratta di un modello economico basato sul riutilizzo, sulla riparazione, sulla rigenerazione e sul riciclaggio in cicli (quasi) chiusi.

Le FFS sono tra i maggiori committenti svizzeri e, con i loro acquisti per oltre cinque miliardi di franchi all’anno, sono alla base di un notevole consumo di materiale ed energia. Per questo motivo, intendono svolgere un ruolo pionieristico all’interno dell’economia circolare e promuovere così la trasformazione della Svizzera in una società ed economia sostenibile.

Come si prospetta la strada verso l’economia circolare?

Le FFS intendono tener conto della riutilizzabilità dei prodotti e delle prestazioni nelle loro decisioni di acquisto e investimento e puntare sui seguenti quattro aspetti concreti:

  • chiusura dei cicli delle risorse, ad esempio attraverso il riutilizzo o il riciclaggio;
  • rallentamento dei cicli dei materiali/dell’energia attraverso un prolungamento del ciclo di vita del prodotto grazie a un design duraturo, alla riparazione e alla manutenzione;
  • riduzione dei cicli dei materiali/dell’energia attraverso incrementi dell’efficienza e risparmi nonché l’uso preferenziale di materie prime e fonti di energia rinnovabili;
  • consolidamento di nuovi modelli commerciali basati sull’economia circolare.

Applicando i principi dell’economia circolare, le FFS possono ridurre i costi, salvaguardare importanti risorse a lungo termine e promuovere la sostenibilità dell’esercizio ferroviario. La transizione da un sistema economico lineare a uno circolare è associata a notevoli potenzialità.

Le FFS promuovono già l’economia circolare con le seguenti misure.